Mondovì
stampa

Diminuiscono le "vittime" del velox di Pogliola

In un anno ha fatto quasi 15 mila multe. I ricorsi sono stati 63.

Diminuiscono le "vittime" del velox di Pogliola

«Oggi la velocità delle auto, a Pogliola, è diminuita»: afferma il sindaco. Assolutamente credibile: ormai non crediamo che esista un solo automobilista in tutta la Granda che non abbia sentito parlare del "famigerato" velox fisso, installato nell'ottobre 2016 sulla sp Mondovì-Cuneo poco lontano dall'incrocio con San Biagio. Il limite in quel tratto è di 70 km/h. E così, negli ultimi mesi, le multe sono diminuite.

Quel velox fu fissato dal Comune a fine 2016, e nel 2017 divenne l’arcinemico degli automobilisti fra Cuneo e Mondovì. Centinaia e centinaia di multe – una record, per un passaggio a 140 km all’ora ! – con inevitabili ricorsi per contestare le sanzioni. O

Se ne è discusso la sera di giovedì 28 dicembre in Consiglio comunale a Mondovì, grazie a un'interrogazione del consifliere di minoranza della Lega Nord, Guido Tealdi: «L’incrocio sito in località Pogliola, lungo la SP 564, è stato teatro negli anni di diversi incidenti, anche mortali – scrive Tealdi –. Molti residenti e cittadini avevano sollecitato un intervento teso a garantire una migliore sicurezza stradale in detto tratto, in particolare individuando una soluzione capace di limitare la velocità dei veicoli in transito: i tecnici avevano manifestato l’impossibilità della realizzazione di una rotonda e avevano individuato quale soluzione l’installazione di un autovelox fisso funzionante 24 ore su 24, con limite di velocità, fissato dalla Provincia, a 70 km/h. Nel corso dei primi mesi di attivazione dell’autovelox fisso, si è registrato un elevato numero di contravvenzioni per il superamento dei limiti di velocità. L’installazione dell’autovelox aveva raccolto l’attenzione non solo della stampa locale ma anche di quella nazionale, divenendo un caso spesso accompagnato da strumentali polemiche». Poi, la frecciata: «Alcuni avvocati monregalesi, magari alla ricerca di ribalta nazionale, avevano cavalcato il tema, ipotizzando l’illegittimo posizionamento di detto autovelox e generando aspettative negli automobilisti sanzionati. Alcuni automobilisti multati, assistiti dai propri legali di fiducia, hanno presentato ricorso avverso le contravvenzioni elevate da detto autovelox. Quanti sono stati ad oggi i ricorsi avanzati avverso le contravvenzioni elevate dall’autovelox di cui alle premesse e quale sia stato l’esito dei medesimi? L’Amministrazione intende confermare e mantenere l’autovelox fisso all’incrocio in località Pogliola? In caso contrario quale soluzione intende porre in essere per garantire la sicurezza stradale e l’incolumità delle persone in detto incrocio?».

LEGGI: Autovelox di Pogliola, ecco perché si pensava che fosse illegittimo

Il sindaco Paolo Adriano: «Oggi le multe si sono ridotte - afferma -, perché la velocità su quel tratto è calata. In tutto sono state contestate 63 multe, che corrispondono circa allo 0,4% del totale». Il che significa, conti alla mano, che le contravvenzioni sono state 15 mila in un anno. Erano 12 mila fino al mese di maggio. «Di questi 63 ricorsi, 39 sono stati confermati, 3 annullati e per 21 è ancora attesa la decisione del giudice».

Ma per quanto riguarda i ricorsi sulla questione di legittimità del velox l'esito era stato negativo -  LEGGI: respinti i primi ricorsi contro il velox di Pogliola

Diminuiscono le "vittime" del velox di Pogliola
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento