Il viceministro incontra i sindaci

La promessa, il viceministro l’ha fatta: «Da componente del Governo sarò un riferimento per le istanze del mio territorio». Enrico Costa afferma che non farà cadere la sua attenzione per il Cuneese.

La promessa, il viceministro l’ha fatta: «Da componente del Governo sarò un riferimento per le istanze del mio territorio». Enrico Costa afferma che, pur essendo ora membro dell’esecutivo nel “Governo misto” di Renzi, non farà cadere la sua attenzione per il Cuneese – e non solo il Monregalese.
Lo ha dichiarato, potremmo dire garantito, davanti ai sindaci dell’intero territorio riuniti la scorsa settimana. Un incontro che si è svolto in municipio a Mondovì ma che, precisa subito Costa, non aveva i colori o i simboli di alcun partito politico:«Non ho parlato nelle vesti di parlamentare di NCD – ci spiega –, ma in quanto membro del Governo. Ho voluto ribadire ai sindaci il mio impegno nel restare un referente del territorio. Anche se la mia carica è al Ministero della Giustizia, continuerò a farmi carico di tutte le voci di questa zona su qualunque argomento».
Quella di venerdì è stata la prima occasione ufficiale di confronto fra i sindaci e con il neo esponente del Governo. Ne è emersa una “panoramica” su diversi argomenti di stretto interesse per lo sviluppo socio-economico del Monregalese: dalla riforma della Giustizia (per l’appunto) alle infrastrutture e ai trasporti, dalle politiche del lavoro all’ambiente, dalla sanità alle scuole, allo sport. Viglione: «L’occasione ha riaffermato ancora una volta la volontà dei sindaci di fare squadra e lavorare assieme, affermando una forte identità del territorio necessaria per far sentire la nostra voce. Si è trattato di una prima occasione di confronto per definire l’agenda delle priorità del Monregalese, che intendiamo sottoporre e affidare al viceministro. Poter avere un dialogo diretto con un esponente del Governo rappresenta un’opportunità straordinaria per affrontare e cercare soluzioni efficaci a problemi annosi o progetti strategici sovra territoriali». Gli stessi temi, del resto, che sono stati portati all’attenzione del ministro Maurizio Lupi, appena poche settimane fa durante la sua visita a Mondovì.
Costa assicura che “si farà vedere”: «Ho intenzione di visitare ogni Comune, ogni sindaco della Granda – dice –. Non ho idea del tempo che impiegherò, ma lo farò».

Scopri anche

Neve in serata: domani “allerta gialla” per ARPA su Monregalese e Cebano

Dopo le nevicate dello scorso fine settimana, torna la neve sul Monregalese e sul Cebano. La neve è attesa per la notte fra giovedì 8 e venerdì 9 dicembre. ARPA Piemonte ha diramato lo...

A Mondovì “Babbi Natale in Harley Davidson” per i bambini in Ospedale

Niente slitta: all’Ospedale di Mondovì Babbo Natale arriva in Harley Davidson. E non arriva da solo, anzi: ci saranno una ventina di “Babbi motociclisti” domenica mattina 11 dicembre, alle 10, sotto le finestre del...

Mondovì: oggi è il giorno della “Babbo Run”. E parte il foto-contest natalizio

Oggi, giovedì 8 dicembre, le strade di Mondovì saranno invasi dai Babbi Natale: torna la “Babbo Run”, la camminata in costume da Babbo Natale non competitiva (e aperta anche agli amici a quattro zampe). L’appuntamento...
Influenza Piemonte

Il sindacato degli infermieri: «Il picco dell’influenza e l’aumento dei casi Covid intasano i...

«L'aumento dei casi di influenza in Piemonte e anche di Covid, con il conseguente intasamento dei Pronto Soccorso di molti ospedali soprattutto a Torino, sta creando una grande preoccupazione».  Lo afferma Nursing Up, il...