Arrestato il direttore A6, viveva a Mondovì

Il direttore generale si era addirittura fatto costruire una scala di alto design, a spese delle ditte che lavoravano per la A6: gliel’aveva installata nella sua casa di Mondovì una ditta di Fossano. Tutto “gratis”.

Il direttore generale si era addirittura fatto costruire una scala di alto design, a spese delle ditte che lavoravano per la A6: gliel’aveva installata nella sua casa di Mondovì una ditta di Fossano. Tutto “gratis”, o comunque non pagato dai beneficiari. L’inchiesta, che in un primo tempo aveva riguardato solo uno dei funzionari della Torino-Savona (Ivan Migliardi, residente a Monastero di Vasco), ora si è allargata. Sono stati arrestati anche il direttore generale dell’Autostrada, Massimo Capponi (58 anni, residente a Mondovì), e un secondo capo ufficio, Paolo Lantieri (64 anni, residente a Santena). I due, assieme a Migliardi, sono sotto custodia cautelare. Le accuse: concussione e peculato.

Le indagini, particolarmente complesse e condotte dalla Procura di Cuneo (dal procuratore aggiunto Maurizio Picozzi e dal sostituto Massimiliano Bolla), hanno permesso di ricostruire una serie di indebiti vantaggi conseguiti nel periodo 2008-2013 dai tre, che rivestono la qualifica di incaricati di pubblico servizio. Secondo gli inquirenti i tre, approfittando della loro posizione nella società “La Verdemare spa”, si facevano eseguire lavori privati dalle imprese che normalmente lavoravano nei cantieri della To-Sv. Lavori per centinaia di migliaia di euro. Benefici di cui si sarebbero fatte carico imprese del Monregalese, della Langa e Roero, del Cuneese e delle province di Savona, Milano e Torino. Ordinavano lavori o beni di ogni tipo: ristrutturazioni edili complete, impianti d’allarme, ceramiche e sanitari di pregio, scale e arredamenti, robot per la cura del giardino ed elettrodomestici.

Secondo la Finanza, Migliardi avrebbe ottenuto beni ed utilità per altri 21 mila euro (noleggio auto, forniture e ristrutturazioni edili, compresi sauna ed idromassaggio, perizie tecniche), che si vanno ad aggiungere ai 745 mila euro già emersi nella prima fase delle indagini; Capponi beni e vantaggi per 362 mila euro (ristrutturazioni edili, compresi camino e marmi di provenienza africana, arredi, cucine ed elettrodomestici, forniture di servizi, prestazioni professionali e perizie tecniche); e Lantieri per 84 mila euro (autovetture, ristrutturazioni edilizie, forniture di servizi). E la progettazione della scala di design, stando alle indagini, sarebbe stata seguita da un geometra e un architetto delle Autostrade, durante il normale orario di lavoro. Era Migliardi, secondo la Procura, a esporsi per garantire benefici al capo. E le ditte, che avevano paura di perdere i lavori, accettavano. Gli immobili riconducibili agli indagati: 6 tra ville e appartamenti nelle province di Savona, Cuneo e Torino (tra cui l’immobile di proprietà della figlia del direttore, studentessa universitaria a Torino). Nel corso delle indagini sono stati registrati anche tentativi d’inquinamento per rapporti di complicità con gli arrestati, con l’esibizione ai Finanzieri di fatture “di comodo” compilate nel tentativo di aiutare gli indagati e di simulare con loro normali transazioni.

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

METEO – Aggiornamento ARPA Piemonte. La Provincia apre la Sala operativa

Peggioramento delle condizioni meteo in Piemonte. Il bollettino ARPA emesso alle 13 di domenica 3 marzo conferma l'allerta "gialla" per la zona monregalese e cebana e addirittura arancione in alcune zone a ovest della...

«Cessate il fuoco!», le donne per la pace a Mondovì portano la voce delle...

Ieri, sabato 2 marzo, per la terza volta l'iniziativa "Cessate il fuoco" è stata portata a Mondovì: dalle ore 11:00 alle ore 12:00: le donne del movimento spontaneo monregalese hanno portato in strada la...

Mondovì, lieve smottamento sulla strada fra Carassone e Piazza: già riaperta

Viabilità interrotta nella mattinata di oggi, domenica 3 marzo, nella strada fra Carassone e Piazza per un lieve smottamento. Intervenuti i Vigili del fuoco, la strada è stata riaperta in poche ore. Il Comune ha...

Peggioramento meteo: nel week-end torna la neve in montagna e in Alta Langa

Dopo la tregua di queste ore, dalla serata di oggi (sabato 2 marzo) è atteso un nuovo peggioramento meteo. Centro Meteo Piemonte spiega: "Anche gli ultimi aggiornamenti confermano la fase di maltempo molto forte che...