Il garante della privacy a Mondovì

“Privacy”. Se ne parla tanto, ma cos’è? Gli studenti di Mondovì hanno avuto l’occasione di porre queste domande a una delle massime autorità in materia: la dottoressa Augusta Iannini, vicepresidente dell’Autorità garante della privacy.

“Privacy”. Se ne parla tanto, ma cos’è? Spesso la si invoca, qualche volta se ne abusa e ogni tanto, purtroppo, la si perde. E come fa un ragazzo a tutelarsi, in una giungla come quella che oggi è la rete di Internet? Gli studenti di Mondovì hanno avuto l’occasione di porre queste domande a una delle massime autorità in materia: la dottoressa Augusta Iannini, vicepresidente dell’Autorità garante della privacy.

La Iannini (moglie del notissimo giornalista tv Bruno Vespa), magistrato e vice presidente dell’Autorità Garante dal giugno 2012, era a Mondovì la mattina di lunedì 12 maggio. Ha parlato davanti a circa 200 studenti delle classi II delle Scuole secondarie di Mondovì, che l’hanno ascoltata con interesse ponendo molte domande. L’incontro è stato organizzato dall’avvocato monregalese Marco Cuniberti, vicepresidente del Circolo dei giuristi telematici, in collaborazione col Comune di Mondovì. A portare i saluti il sindaco Viglione e il viceministro alla Giustizia Costa. Era presente anche il presidente della Consulta giovanile, Marco Giana.

Il garante ha saputo andare a toccare gli argomenti più importanti: la tutela dei dati personali, oggi più che mai a rischio a causa dei complessi e oscuri meccanismi del web. Tante le domande poste dai ragazzi. «Perché se mi iscrivo a Facebook – ha chiesto uno studente – le mie foto poi vengono rintracciate via Google?». Oppure: «Chi può leggere i miei dati quando uso un social network?».

La Iannini ha anche fatto fare ai ragazzi un gioco: “Quanto ne sai sulla privacy?”. Una sorta di quiz per capire le norme e i dettagli della tutela. Hanno vinto due studenti che frequentano le Medie a Piazza e all’Altipiano. A loro spetta in premio un libro sulle tematiche della privacy. «È stato interessante vedere i ragazzi porre le domande al garante e rispondere al quiz – dice Cuniberti –. E al momento della premiazione, la Iannini ha portato subito un esempio pratico: spiegando ai ragazzi che avrebbe voluto chiedere loro il nome e l’indirizzo per spedire il premio… ma che non poteva. Perché? Appunto, per la privacy».

Scopri anche

Neve in serata: domani “allerta gialla” per ARPA su Monregalese e Cebano

Dopo le nevicate dello scorso fine settimana, torna la neve sul Monregalese e sul Cebano. La neve è attesa per la notte fra giovedì 8 e venerdì 9 dicembre. ARPA Piemonte ha diramato lo...

A Mondovì “Babbi Natale in Harley Davidson” per i bambini in Ospedale

Niente slitta: all’Ospedale di Mondovì Babbo Natale arriva in Harley Davidson. E non arriva da solo, anzi: ci saranno una ventina di “Babbi motociclisti” domenica mattina 11 dicembre, alle 10, sotto le finestre del...

Mondovì: oggi è il giorno della “Babbo Run”. E parte il foto-contest natalizio

Oggi, giovedì 8 dicembre, le strade di Mondovì saranno invasi dai Babbi Natale: torna la “Babbo Run”, la camminata in costume da Babbo Natale non competitiva (e aperta anche agli amici a quattro zampe). L’appuntamento...
Influenza Piemonte

Il sindacato degli infermieri: «Il picco dell’influenza e l’aumento dei casi Covid intasano i...

«L'aumento dei casi di influenza in Piemonte e anche di Covid, con il conseguente intasamento dei Pronto Soccorso di molti ospedali soprattutto a Torino, sta creando una grande preoccupazione».  Lo afferma Nursing Up, il...