I sindaci del Carrucese scrivono a Renzi: «Non ci tolga il segretario comunale!»

I sindaci del Carrucese non ci stanno e scrivono a Renzi per chiedere che non venga abolita la figura del segretario comunale.

I sindaci di Carrù, Lequio Tanaro e Bastia M.vì, Cigliè, Clavesana, Farigliano, Magliano Alpi, Piozzo, Rocca Cigliè e Rocca dè Baldi (questi ultimi al loro ultimo atto ufficiale prima delle elezioni) non ci stanno e scrivono a Renzi per chiedere che non venga abolita la figura del segretario comunale. Al punto 13 della proposta di riforma della Pubblica Amministrazione, infatti, il presidente del Consiglio ha infatti anche inserito il "taglio" del segretario, suscitando lo stupore ed il disappunto dei primi cittadini i cui Comuni sono già associati in convenzione per la gestione di alcuni servizi. Pur considerando positivamente il tentativo di coinvolgere i soggetti interessati alla proposta di riforma (il ministro Madia ha inviato ai Comuni una mail con le sue proposte, chiedendo di rispondere con commenti e suggerimenti), ai sindaci non va proprio giù che l’ipotesi di abolire il segretario comunale, un taglio a cui non vengono oltretutto allegate ulteriori precisazioni.

«Le nostre Amministrazioni – scrivono i primi cittadini a Renzi e Madia –, contrariamente a quanto proposto, ritengono che il ruolo del segretario comunale sia invece essenziale e necessario per il buon funzionamento dei Comuni, singoli o associati. Tale valutazione viene espressa dai soggetti che operano nel settore, i quali forniscono un parere che nasce dal concreto vissuto in relazione all’esperienza maturata nel corso del mandato amministrativo.  Proprio perché abbiamo potuto sperimentare il servizio reso dai rispettivi segretari comunali, sosteniamo che la preparazione ed imparzialità del ruolo non possono essere facilmente sostituite da altre figure professionali, magari selezionati, formate e reclutate con metodi meno tutelanti».

«Le funzioni di sovrintendenza, di coordinamento della struttura burocratica, di consulenza legale, di controllo e di raccordo con gli amministratori sono tra le funzioni ascrivibili ai compiti del segretario comunale ai sensi del vigente ordinamento degli Enti locali – continuano i primi cittadini –: si tratta di funzioni irrinunciabili, non rappresentano alcun spreco, anzi consentono di coniugare, in ambito locale, legalità, efficienza, efficacia e buon andamento. La presenza di una figura non incardinata stabilmente nell’organigramma del Comune consentono inoltre maggiore autorevolezza nelle scelte di riorganizzazione».

«Per le ragioni sopra descritte – propongono – è nostra volontà chiedere una riforma che preveda un contenimento o un uso ragionevole delle convenzioni di segreteria a cui i Comuni spesso sono costretti a ricorrere esclusivamente per i limiti della spesa del personale, limiti stringenti e fortemente limitanti perché sono basati sul criterio della spesa storica, colpendo più duramente le Amministrazioni che in passato hanno sprecato meno. Ragionevole sarebbe escludere la spesa per il segretario comunale dalla spesa del personale, in ragione della specificità del reclutamento, delle peculiari funzioni di garanzia, specie in materia di anticorruzione e del ruolo svolto all’interno dell’Amministrazione di responsabile e coordinatore delle risorse umane, di collegamento della struttura burocratica con gli amministratori. Il meccanismo dello "spoil system", a cui il segretario è sottoposto a differenza delle altre figure dirigenziali presenti nella Pubblica amministrazione, è peraltro una garanzia per i Comuni a tutela della qualità del lavoro svolto e richiesto da tale figura professionale. Eliminando la figura del segretario comunale, non si semplifica nulla, non si ottiene alcuna razionalizzazione né alcun effettivo risparmio… Semplicemente si rinuncia ad uno strumento razionale di auto-organizzazione e controllo, dando un segnale negativo sul tema del rispetto delle regole che mina ulteriormente la già non eccessiva fiducia dei cittadini nelle Istituzioni».

Funamboli: dopo Facchetti e Veltroni, anche Debora Sattamino fra i protagonisti

Tre appuntamenti per la terza settimana di maggio. Inizia così, con un tris di imperdibili incontri, l’edizione 2024 del Festival Funamboli – Parole in equilibrio, organizzato dall’associazione culturale Gli Spigolatori. La tematica di quest’anno,...

A Dogliani Vergassola parla delle Bocce Quadre. Terzo giorno del Festival della TV –...

Domenica 26 maggio, si chiude il Festival della tv di Dogliani. Dopo due giorni di incontri, con la presenza di numerosi ospiti di grande interesse, anche la giornata conclusiva si preannuncia ricca di spunti. Enrico...

Francesca Fagnani a Dogliani parla di “mafia Capitale” al Festival della TV – LE...

Dopo l'ottimo successo di pubblico della giornata inaugurale (venerdì 24 maggio) domani, sabato 25 maggio, si entra nel vivo del "Festival della tv" di Dogliani, con un intenso programma e tanti ospiti di caratura...

“Funamboli”: oggi protagonista la tradizione culinaria con Debora Sattamino

Continua il festival "Funamboli" a Mondovì, organizzato dall'Associazione Culturale "Gli Spigolatori". Sabato 25 maggio, alle ore 17, spazio alla grande tradizione culinaria ed enogastronomica del nostro territorio con la giornalista monregalese Debora Sattamino. Debora,...

Far emergere la solidarietà con l’arte: il viaggio di “Smartina e l’Amica Infame”

«Nel mio piccolo paese se c'era un malato la comunità se ne faceva carico. Oggi in ambulatorio sento tanti racconti di porte chiuse. Sta aumentando la solitudine. Anche attraverso l'arte vorrei tornare a far...
Festa fioritura Baita Elica

Domenica la Festa della fioritura a Baita Elica

In questi giorni sul monte Pigna si verifica un fenomeno naturale di straordinario fascino: la sua cima si imbianca, non per le precipitazioni nevose, ma per la fioritura dei narcisi. Il candido fiore ricopre...