Giunta Basso a Vicoforte: primo Consiglio con spaccatura

Umberto Bonelli lascia la maggioranza e crea il gruppo "Per Vicoforte"

Sembrava tutto nella norma, quando è cominciato il primo Consiglio comunale, con la sala piena e gli applausi per il giuramento del sindaco. Eppure, poco dopo, a sorpresa, sono arrivate le dimissioni di Umberto Bonelli, ex assessore, impegnato da quindici anni in Amministrazione. «Prendo la parola – ha esordito – per rendere partecipi il Consiglio e i vicesi delle motivazioni che mi hanno spinto ad uscire dal gruppo “Viviamo Vicoforte” e creare un nuovo gruppo autonomo, “Per Vicoforte”, di ispirazione civica e apartitico, del quale sono il capogruppo». La sorpresa è molta, tra i presenti, ma Bonelli non ha ripensamenti: «E’ con grande amarezza e profonda delusione che sono arrivato a questa decisione. Infatti, dopo aver preso parte alla competizione come componente della lista civica “ViviamoVicoforte”, della quale sono stato parte attiva condividendone appieno le linee programmatiche, ho dovuto purtroppo rilevare solo dopo il voto che la fiducia accordatami dal capolista e dagli altri componenti era da parte di alcuni solo di facciata». Il clima si fa serissimo in sala, e Umberto Bonelli sposta la sua sedia nei “ranghi” della minoranza. Nella fase di assegnazione dei ruoli, le discussioni all’interno della maggioranza non devono essere mancate, ma non ci si aspettava certo un esito simile. Sembra che Bonelli, con i suoi ottantadue voti, avrebbe avuto un ruolo in Giunta, ma forse, proprio a proposito della carica di vicesindaco, qualcuno deve aver “dubitato” di lui, accusandolo di essere stato poco presente. «Non ci si può fidare a metà – spiega Bonelli –: di una persona o ci si fida o non ci si fida. Mi dispiace che queste perplessità siano emerse soltanto dopo le elezioni». Nel suo discorso, anche in risposta a queste accuse, afferma: «In questi anni ho sempre dimostrato lealtà, fedeltà correttezza e impegno, quest’ultimo con alti e bassi, in base ovviamente ai momenti personali che la vita può riservare ad ognuno di noi. E non è mai venuto a mancare da parte mia il rispetto nei confronti dei componenti del Consiglio comunale, a differenza di ciò che oggi alcuni vogliono evidenziare». «È vero – ha ammesso il neosindaco Basso –, alcuni non gli hanno dato la fiducia totale che lui chiedeva. Sapevamo che ciò avrebbe causato malumore, ma non ci aspettavamo una così netta e decisa presa di posizione. La sorpresa e il rincrescimento sono davvero forti». Gian Pietro Gasco, sindaco uscente, commenta: «È una notizia che apprendo con amarezza. Mi dispiace che il gruppo, dopo aver ottenuto un tale consenso alle urne, abbia riportato queste difficoltà. Non posso far altro che prenderne atto con rammarico». 

Santa Lucia Villanova Mondovì

Il Santuario di Santa Lucia a Villanova Mondovì riapre i battenti

Il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì si staglia dal XVI secolo sul versante del Monte Calvario (o Momburgo) dominando la Valle Ellero ed è erede di un’antica devozione popolare, ancora oggi viva...

Sale San Giovanni: torna il fascino della lavanda

Nonostante il meteo in questi giorni sia sempre un po’ incerto, arriva il Tempo della lavanda! A Sale San Giovanni, da metà giugno ad inizio luglio, si rinnova l'appuntamento con la fioritura. Durante i...

Ladri rubano le offerte in chiesa: serie di furti tra Dogliani e Farigliano

Tre furti nel giro di pochi giorni nelle chiese di Dogliani e Farigliano. Non si sono fatti scrupoli gli ignoti (o l’ignoto) che sono entrati nelle strutture religiose in pieno giorno e hanno portato...

Frabosa Sottana. Atto vandalico sull’auto di una candidata consigliera

Nella serata di lunedì ignoti hanno compiuto un atto vandalico sull'auto di Patrizia Ghisaura, ex docente genovese candidata nella lista di "Frabosa Futura". Probabilmente con un oggetto appuntito, il vandalo si è accanito sull'auto...

Suono delle Scuole: siamo a un punto di svolta? Tre riflessioni

Non lo posso negare: vedere queste ragazze questi ragazzi salire su un palco di quelle dimensioni e suonare carichi come molle, è una cosa che fa bene al cuore. Li invidio anche un po’:...

A Mondovì a luglio e agosto attivo il servizio di “Scuola Materna estiva”

Anche per il 2024 il Comune di Mondovì attiverà la Scuola Materna estiva, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze delle famiglie con genitori entrambi lavoratori, assicurando così un accompagnamento educativo-assistenziale durante il periodo delle...