Operaio morto alla Fomec: due condanne

Si è chiuso con due condanne, dopo otto anni, il processo per la morte di Ahmed Kharbouch: l’operaio che perse la vita cadendo dal tetto della “Fomec”.

Si è chiuso con due condanne, dopo otto anni, il processo per la morte di Ahmed Kharbouch: l’operaio che perse la vita cadendo dal tetto della “Fomec”. La sentenza martedì 24 giugno. Condannato sia l’amministratore Mario Gussago che il titolare dell’impresa Daniele Aragno. Soddisfatta la Procura.
I fatti risalgono a otto anni fa. Kharbouch, 50 anni, stava lavorando alla catramatura sul tetto di un capannone per conto della ditta di Aragno, che aveva avuto la commissione dalla Fomec. Sulla copertura si accese un piccolo incendio. L’operaio, forse indietreggiando per allontanarsi dalle fiamme, mise una piede sopra una lastra di plexiglas che fungeva da lucernaio: la lastra si ruppe e il 50enne precipitò a terra, morendo sul colpo. La famiglia dell’operaio venne risarcita, ma intanto si aprì il processo per omicidio colposo sia nei confronti del’amministratore Fomec, Gussago, che del titolare dell’appalto, Aragno.
Il pubblico ministero, il vpo Alessandro Borgotallo, aveva già avanzato le sue richieste nell’udienza di due settimane fa. Martedì era il turno delle repliche: «La caduta non era un rischio specifico di questo tipo di lavoro – ha sostenuto il pm –. Kharbouch era a tutti gli effetti nel ruolo di dipendente, sebbene formalmente si trattasse di un sub-appalto. Bastava alzare gli occhi per rendersi conto che mancavano le protezioni». Entrambi i difensori hanno chiesto l’assoluzione dei propri assistiti: «Fu fatto un sopralluogo – è stata la replica di Martinetti, difesa Gussago –: non risulta nelle carte perché è assolutamente normale che un sopralluogo preventivo non venga verbalizzato». Viglione, difesa Aragno: «Il Kharbouch aveva una competenza specifica ed era un lavoratore autonomo».
Il giudice Alessandra Coccoli ha però dato ragione all’accusa. Le condanne: otto mesi per Gussago (estinta per indulto) e due anni per Aragno (pena sospesa).

Chirurgia Laser Difetto Visivo

Chirurgia laser per correggere il tuo difetto visivo: scopri se sei idoneo

Miopia, astigmatismo, ipermetropia, presbiopia - Non lasciare che la paura di togliere gli occhiali ti impedisca di fare le cose che ti piacciono: vieni l’8 e 19 aprile al Centro Abax di Cuneo per...

Ormea: il sindaco Giorgio Ferraris scioglie le riserve e si ricandida

Ferraris scioglie le riserve: si ricandiderà alle prossime lezioni amministrative. L’annuncio ufficiale è arrivato questa sera (lunedì 15 aprile) nel corso dell’assemblea pubblica sul bilancio di mandato, sui programmi e sui lavori in corso...

Fondazione CRC, si chiude l’era Raviola: si è dimesso oggi. «Da domani nuova sfida...

Ezio Raviola approva l'ultimo bilancio e chiude il suo mandato alla guida della Fondazione CRC: si è dimesso. Il monregalese, presidente della Fondazione dal 2022, ha depositato oggi pomeriggio le proprie dimissioni dopo l’approvazione...

Accoltellato al fianco per un pacchetto di sigarette: il caso a Mondovì

Sarebbe stata una banale discussione su un pacchetto di sigarette sparito a innescare una lite finita nel sangue, nel centro di Mondovì. L’uomo che venne colpito da una coltellata, nel novembre del 2022, ha...

Fondazione CRC, ecco il nuovo Consiglio. C’è anche l’ex segretario comunale Marina Perotti

Spunta un nuovo nome di area monregalese nel nuovo Consiglio generale della Fondazione CRC, insediatosi oggi lunedì 15 aprile: è la dottoressa Marina Perotti, già segretario comunale di Mondovì fino al luglio del 2022....
Nord Sud Castello Cigliè

Nord vs Sud: la disfida dei vini “Al Castello” di Cigliè

Venerdì scorso si è svolto il secondo appuntamento delle “4 sere Al Castello” di Ciglié, con l’intero ristorante dedicato all’evento “Bolle al buio - Sicuri di essere grandi intenditori di bollicine?”, in cui vini...