Condannato a 6 mesi: «Causò incidente mortale»

entenza in Tribunale – L’episodio sulla St. 28 a Priola

Per il giudice, fu lui a invadere la corsia opposta e a causare l’incidente. Edoardo Giri, torinese, è stato condannato alla pena di sei mesi e al risarcimento dei famigliari di Egidio Aschero, l’83enne morto in uno scontro frontale avvenuto nel marzo 2009. La sentenza è stata emessa lunedì dal giudice Coccoli in Tribunale a Mondovì.
L’incidente avvenne lungo la St. 28, in un rettilineo che sta fra Priola e Garessio. L’auto di Giri, una “Alfa 159”, finì dritta contro la Fiat “Punto” condotta da Aschero. Fin dal primo momento Giri raccontò che era stata la vettura di Aschero a invadere la sua corsia e che lui, per evitarlo, sterzò a sinistra. Parlò anche di una terza auto, una Peugeot grigia, che sarebbe transitata proco prima compiendo una manovra azzardata andando di fatto a causare le condizioni dell’impatto in cui perse la vita l’83enne. La famiglia di Aschero per settimane aveva diffuso appelli sui giornali cercando una specie di “auto fantasma”: venne individuata, ma il conducente risultò completamente estraneo ai fatti. Giri finì imputato per omicidio colposo.
La sua versione, che in aula era stata sostenuta anche dalla sua fidanzata che quel giorno era a bordo dell’auto con lui, è stata smontata lunedì dal pm Fontana nella sua discussione: «Le perizie sono chiare: è l’Alfa che ha invaso la corsia della “Punto” causando lo scontro. Dopo l’impatto la Fiat si trovava sulla linea di mezzeria, mentre l’Alfa era completamente a sinistra». L’accusa ha comunque parlato di un “concorso causale di colpa” da parte dello stesso Aschero che stava viaggiando oltre i limiti, a circa 90 km orari, e guidava indossando ciabatte ai piedi. I famigliari del deceduto erano già stati risarciti con una somma di 91 mila euro per la moglie e 80 mila euro a ciascuna delle due figlie, ma il giudice ha disposto un ulteriore risarcimento da definirsi in sede civile.
La difesa ha già annunciato il ricorso in appello: «Il nostro assistito sarebbe colpevole? Certo – ha sostenuto il difensore, l’avvocato Buratti di Torino –: colpevole di essere sopravvissuto. La loro testimonianza era assolutamente genuina: la sterzata è stata una manovra di emergenza per salvarsi la vita. C’è stato un gigantesco errore nella perizia. Ricorreremo sicuramente».



Scopri anche

Ubriaco, ruba un’auto a Carrù e la abbandona a Farigliano: due anni di pena

Si era introdotto in un cortile a Carrù nella notte del 13 luglio di tre anni fa. Qui si era impossessato dell’Audi che era parcheggiata con le chiavi inserite nel quadro. I carabinieri avrebbero...

Arriva la neve, l’Arpa dirama l’allerta gialla per Mondovì e Val Tanaro

Allerta gialla per neve nella giornata di domani, di sabato 3 dicembre. Arpa Piemonte ha diramato oggi alle 13 il bollettino, che ha valenza 36 ore. Per la zona F (Mondovì e Valle Tanaro)...
Lannutti primo tir elettrico

“Lannutti” presenta il suo primo tir elettrico: «Il futuro dei trasporti deve essere sostenibile»

Quarantaquattro tonnellate, nessun rumore. Il tir è elettrico. Non quello del futuro: è oggi, presente. Walter Lannutti, numero uno dell'azienda di trasporti e logistica che ha fondato 50 anni fa, lo ha presentato questa...

“C’è una bomba in Stazione a Fossano”, ma è un falso allarme

"C'è una bomba in Stazione a Fossano". Una telefonata anonima nella serata di ieri, giovedì 1° dicembre, ha fatto scattare l'allerta. Presso la Stazione ferroviaria fossanese sono intervenuti i Carabinieri e la Polizia ferroviaria,...