Giro della Padania: manifestante scagionato dalla prova video

Un filmato, girato nei tafferugli esplosi durante il passaggio del “Giro della Padania”, ha dimostrato che non ci fu contatto fisico tra Roberto Rossi e l’agente della Questura che stava di fronte a lui.

Il tassello definitivo è stata la prova video. Un filmato, girato proprio durante i tafferugli esplosi durante il passaggio del “Giro della Padania”, che è stato visionato in Tribunale e che ha dimostrato che non ci fu neppure un contatto fisico tra Roberto Rossi e l’agente della Questura che stava di fronte a lui. Il poliziotto cadde all’indietro e urtò una delle auto “ammiraglie” del Giro leghista. Rossi finì a processo per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale: è stato assolto dal giudice Ruggiero con formula piena da entrambe le imputazioni «perché i fatti non sussistono».
La gara ciclistica organizzata dalla Lega Nord attraversò Mondovì nel settembre 2011. Una manifestazione più politica che sportiva, sebbene vi partecipassero ciclisti professionisti. Le reazioni delle forze politiche avversarie non si fecero attendere: praticamente ovunque, nelle città dove passava il “giro verde”, sorsero picchetti di protesta contro la corsa. Anche a Mondovì: i dissidenti si piazzarono lungo corso Statuto e poi, quando il percorso venne deviato, si spostarono lungo il ponte della Madonnina tra via Malfatti e via Perotti. Qui avvennero i tafferugli con gli agenti della Questura incaricati di mantenere l’ordine pubblico. Un poliziotto riportò lesioni (non gravi) urtando una delle auto che accompagnavano i ciclisti, Rossi venne fermato e identificato come l’uomo che lo aveva spinto. Partì il processo. Fra gli atti c’era anche un filmato: le riprese effettuate dalla stessa Questura dei movimenti di quei minuti.
Venerdì 25 luglio, la discussione finale. È stato lo stesso pubblico ministro, il vpo Alessandro Borgotallo, a chiedere l’assoluzione dello’imputato: «Abbiamo visto e rivisto il video – ha detto davanti al giudice –. In coscienza, non possiamo trarre alcuna certezza della prova del fatto: non si vede mai un contatto fisico tra l’imputato e il poliziotto. O comunque, nulla di sufficiente a dimostrare i reati oggetto di imputazione. Chiedo l’assoluzione: dal reato di resistenza per insufficienza di prove, e da quello di lesioni nella formula che il giudice riterrà opportuna». Secondo il pm la denuncia sarebbe stata fatta in buona fede: «L’agente riferì quello che aveva percepito in quegli attimi concitati, dal punto di vista soggettivo. Ma quando abbiamo ricercato l’elemento oggettivo, non lo abbiamo trovato». Il difensore, l’avvocato Gianluca Vitale: «Una denuncia assolutamente soggettiva dovuta a una percezione sbagliata dell’agente che, come ha ammesso lui stesso, non prestava normalmente servizio in contesti di quel genere. Probabilmente il poliziotto scivolò sul bordo del marciapiede».

santa lucia visite villanova

Al Santuario di Santa Lucia di Villanova M.vì continua il successo delle visite guidate

Domenica 7 luglio il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì sarà aperto al pubblico con visite guidate al pomeriggio (dalle ore 14.30 alle 17 con servizio navetta). La riapertura durante le prime domeniche...

CONTEST Y: vince la cantante Clay

La sua voce ha incantato tutti. Clay, cantante di 28 anni di Bastia Mondovì, con le cover "Sober" e "If I were a boy", ha vinto il primo Contest Y di Mondovì. Quattro serate...

Una realtà da scoprire: il Centro diurno Nucci Banfi “apre” ai doglianesi

Piacevole e interessante serata all'insegna dell'amicizia e del "senso di comunità", mercoledì 24 luglio, nel borgo antico di Castello, a Dogliani. Il Centro diurno Nucci Banfi, realtà ormai ben radicata nel tessuto sociale doglianese,...

Addio a suor Antoniangela, storica maestra negli Asili di Bastia e Carassone

Le comunità di Mondovì, Bastia e Santa Maria Rocca, piangono la scomparsa di suor Antoniangela, Domenicana presso il convento di Carassone, classe 1934, al secolo Michelina Cugusi. Originaria della Sardegna, per tanti anni insegnante...

“Comitato del no”: i consiglieri comunali neoeletti escono dal direttivo

Cambia l'assetto del Comitato "Clavesana dice no allo stoccaggio di rifiuti pericolosi", nato tempo fa dall'unione di cittadini, imprese e Associazioni del territorio, per opporsi al progetto presentato dalla Cement Srl e riguardante un...
Trelilu spettacolo Nigella Niella

A Niella Tanaro spettacolo dei Trelilu per la Nigella

“Mai a basta” è lo spettacolo dei Trelilu che si terrà mercoledì 31 luglio alle ore 21 al castello di Niella Tanaro, per la Nigella, ad ingresso libero. L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Nigella ODV...