Guasto all’aereo: disavventura per i pellegrini monregalesi

Sono arrivati, in queste ore di sabato mattina, i 335 pellegrini che hanno composto, da lunedì scorso, il Pellegrinaggio diocesano a Lourdes, sotto a guida del vescovo mons. Pacomio.

Sono arrivati, in queste ore di sabato mattina, i 335 pellegrini che hanno composto, da lunedì scorso, il Pellegrinaggio diocesano a Lourdes, sotto a guida del vescovo mons. Luciano Pacomio, a cui si è aggiunto – come da due anni a questa parte – anche il vescovo di Savona-Noli mons. Vittorio Lupi con un gruppo della diocesi rivierasca. “Un’esperienza stupenda, che ci ha coinvolto corpo e anima. Siamo stanchissimi, ma ne valeva la pena”, ci dicono alcuni dei 36 giovani che hanno preso parte allo stesso pellegrinaggio nelle vesti di “sorelle” e “barellieri” al servizio degli anziani e dei malati. Un unico intoppo, al rientro. Per i 113 pellegrini (compresi alcuni ammalati) che hanno scelto il volo aereo, la partenza dallo scalo di Lourdes è stata ritardata a più riprese, da venerdì pomeriggio fino alle 4,30 di sabato mattina. Un micro-incidente al velivolo, nella fase di preparazione all’appostamento in pista di decollo (con un’ala che ha urtato le strutture degli imbarchi), ha costretto a cambiare velivolo, patendo quindi il rinvio che si è prolungato di ora in ora. L’atterraggio è poi avvenuto a Caselle anziché a Levaldigi. Ma anche questo disguido è stato presto assorbito. A Lourdes sono stati tutti contenti e partecipi. Ai “barellieri” ed alle “sorelle” dell’Opera Diocesana Pellegrinaggi anche l’onore di portare e scortare la statua della Vergine nella processione aux flambeaux di mercoledì sera, con il nostro vescovo mons. Luciano Pacomio a presiedere la benedizione conclusiva.

Caseificio Tramonti Formaggi freschi Mozzarella