Chi toglierà la neve?

La Provincia avverte «I soldi non bastano» e “taglia” alcuni tratti di strada

Riscaldati da questi settembrini raggi di sole, ci godiamo l’ultima appendice dell’estate, tutt’al più, impaniamo i primi funghi, ma di certo non pensiamo ancora ad un inverno che sembra lontanissimo. Non si può dire lo stesso per i nostri primi cittadini, che sono stati all’improvviso “catapultati” nelle preoccupazioni invernali. Quasi tutti, infatti, hanno ricevuto una lettera da parte della Provincia, che li ha presto fatti sobbalzare. Tratti di strade provinciali che, si dice, non avrebbero le caratteristiche per essere considerate tali. Questo, il cuore del problema. Zone “speciali”, che appartengono alla Provincia, ma che l’Ente vorrebbe “affidare” al Comune, per quanto riguarda lo sgombero della neve. I primi cittadini, com’è ovvio, non nascondono il malcontento, evidenziando una serie di problematiche sia logistiche che economiche. Innanzi tutto, spiegano, a mancare è la chiarezza: come si può decidere che un’infrastruttura di proprietà provinciale, da un giorno all’altro diventi di competenza comunale? E poi, dove si troveranno i soldi per lo sgombero? Tanto più adesso, a bilanci approvati. Queste le considerazioni che arrivano, quasi all’unanimità, dai Comuni coinvolti. In effetti, mentre ci sono paesi che devono accollarsi appena un centinaio di metri, a quasi tutti toccano quattro o cinque chilometri. Ad alcuni, poi, ad esempio Clavesana, Montaldo M.vì e Frabosa Sottana, sembra che ne vadano ben nove, dieci e quattordici, il che significa costi ingentissimi.



Scopri anche

Ubriaco, ruba un’auto a Carrù e la abbandona a Farigliano: due anni di pena

Si era introdotto in un cortile a Carrù nella notte del 13 luglio di tre anni fa. Qui si era impossessato dell’Audi che era parcheggiata con le chiavi inserite nel quadro. I carabinieri avrebbero...

Arriva la neve, l’Arpa dirama l’allerta gialla per Mondovì e Val Tanaro

Allerta gialla per neve nella giornata di domani, di sabato 3 dicembre. Arpa Piemonte ha diramato oggi alle 13 il bollettino, che ha valenza 36 ore. Per la zona F (Mondovì e Valle Tanaro)...
Lannutti primo tir elettrico

“Lannutti” presenta il suo primo tir elettrico: «Il futuro dei trasporti deve essere sostenibile»

Quarantaquattro tonnellate, nessun rumore. Il tir è elettrico. Non quello del futuro: è oggi, presente. Walter Lannutti, numero uno dell'azienda di trasporti e logistica che ha fondato 50 anni fa, lo ha presentato questa...

“C’è una bomba in Stazione a Fossano”, ma è un falso allarme

"C'è una bomba in Stazione a Fossano". Una telefonata anonima nella serata di ieri, giovedì 1° dicembre, ha fatto scattare l'allerta. Presso la Stazione ferroviaria fossanese sono intervenuti i Carabinieri e la Polizia ferroviaria,...