A Redipuglia, Papa Francesco: “La guerra è solo follia. Distrugge tutti”

 A cent’anni dalla “inutile strage” del primo conflitto mondiale

“Rivolgendosi ai cappellani militari in congedo l’11 giugno 1959, nei giardini vaticani, papa Giovanni XXIII dice che ‘indimenticabile fu il servizio’ da lui compiuto come cappellano negli ospedali, negli anni della Grande Guerra. Un servizio che gli aveva ‘fatto raccogliere nel gemito dei feriti e dei malati l’universale aspirazione alla pace, sommo bene dell’umanità’. Mai come allora aveva sentito ‘quale sia il desiderio di pace dell’uomo, specialmente di chi, come il soldato, confida di prepararne le basi per il futuro col suo personale sacrificio, e spesso con l’immolazione suprema della vita’”. Lo ricorda lo speciale dei settimanali diocesani del Nord Est in occasione della visita di Papa Francesco a Redipuglia, mostrando come Roncalli affrontò “una delle prove più dure della sua esistenza, la partecipazione alla prima guerra mondiale”. In una lettera scriverà: ‘Questi cari giovani soldati non si può non amarli quando si sono avvicinati una volta: e sono tanto, tanto degni di ogni cura e di ogni conforto’”.
“Il 13 settembre la parola ‘presente’ scolpita ossessivamente sulle scalinate di Redipuglia è stata tradotta simultaneamente nelle innumerevoli (troppe) lingue parlate dai popoli che oggi sono vittime di conflitti armati, di persecuzioni, di dittature, di epocali ingiustizie”. Lo spiegano i direttori dei settimanali diocesani del Nord Est nell’editoriale comune per la visita di Papa Francesco a Redipuglia. “Il gesto simbolico di Papa Francesco di regalare ai cappellani militari di tutto il mondo le lampade accese alla fiamma del sepolcro ove riposa San Francesco di Assisi ribadisce il rimando alla luce della fede che squarcia le tenebre della morte e del peccato, ma al contempo anche si fa simbolo laico della ragione che abbatte l’oscurità dell’ideologia e della superstizione. Con questo gesto è come se il Papa andasse al cuore di tutti i conflitti”. Così, “se a Redipuglia Mussolini voleva scolpire nella pietra il primato dell’istanza collettiva della nazione sull’identità e la coscienza individuale, oggi Papa Francesco invita i popoli della Terra a dare ascolto prima di tutto alla voce di Dio insita nel cuore di tutti gli uomini che ispira sentimenti di fratellanza universale e svuota dal di dentro i conflitti”.
Un viaggio quello di Papa Francesco che ha assunto una valenza particolare in una terra di confine come il Friuli Venezia Giulia, segnata “dalla violenza delle due guerre mondiali”, come ricordano i vescovi della regione. Un secolo or sono, la parte orientale della regione apparteneva all’Impero austro-ungarico e quindi i giovani isontini, triestini e della Bassa Friulana vennero chiamati alle armi già alla fine del luglio 1914 e mandati a combattere sui fronti dell’Europa centrale: molti di essi non fecero ritorno e di tanti non si è mai conosciuto nemmeno il luogo della morte. In tal senso il viaggio del Pontefice si è trasformato veramente in pellegrinaggio di riconciliazione e di pace, con la preghiera elevata “per i caduti di tutte le guerre”, tanto nel cimitero austro-ungarico di Fogliano, dove sono sepolti 16mila soldati che vestirono quella divisa, quanto nel sacrario di Redipuglia, dove riposano oltre 100mila caduti italiani: giovani dalle provenienze, dalle lingue, dalle religioni diverse ma divenuti fratelli nel comune tragico destino di morte.

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

«Cessate il fuoco!», le donne per la pace a Mondovì portano la voce delle...

Ieri, sabato 2 marzo, per la terza volta l'iniziativa "Cessate il fuoco" è stata portata a Mondovì: dalle ore 11:00 alle ore 12:00: le donne del movimento spontaneo monregalese hanno portato in strada la...

Mondovì, lieve smottamento sulla strada fra Carassone e Piazza: già riaperta

Viabilità interrotta nella mattinata di oggi, domenica 3 marzo, nella strada fra Carassone e Piazza per un lieve smottamento. Intervenuti i Vigili del fuoco, la strada è stata riaperta in poche ore. Il Comune ha...

Peggioramento meteo: nel week-end torna la neve in montagna e in Alta Langa

Dopo la tregua di queste ore, dalla serata di oggi (sabato 2 marzo) è atteso un nuovo peggioramento meteo. Centro Meteo Piemonte spiega: "Anche gli ultimi aggiornamenti confermano la fase di maltempo molto forte che...

Truffata per 24mila euro dopo un falso sms delle Poste

La Polizia di Stato di Cuneo ha concluso un’importante attività di contrasto alle frodi informatiche realizzate via sms, fenomeno criminale di sempre più stretta attualità noto con l’espressione “smishing” che colpisce purtroppo migliaia di...