Quanto “costano” i profughi?

È una delle cose che fanno più discutere: la spesa per l’accoglienza. Molti “non ci stanno”, a sapere che lo Stato paga per ospitare i rifugiati. 

È una delle cose che fanno più discutere: la spesa per l’accoglienza. Molti “non ci stanno”, a sapere che lo Stato paga per ospitare i rifugiati. Esistono delle convenzioni ad hoc, stipulate tra le Prefetture e le strutture di accoglienza.

La spesa totale è di 30 euro al giorno, per ogni persona.

La conferma ci arriva dalla Prefettura. Girano tante voci (la maggior parte completamente sbagliate) su questa spesa e su cosa comprenda. «La convenzione con le strutture che accolgono i rifugiati – spiega il capo di Gabinetto della Prefettura di Cuneo, la dottoressa  Bambagiotti – prevede che lo Stato paghi 30 euro al giorno all’hotel o alla cooperativa che ospitano i rifugiati. Non un euro di più». E nei 30 euro è compreso: vitto, alloggio, pulizia, fornitura biancheria e abbigliamento, prodotti per l’igiene. I 30 euro non vanno… ai profughi: vanno a chi li accoglie. L’albergatore o la cooperativa deve versare a ogni rifugiato un “pocket money” di 2,50 euro al giorno, che sono sempre compresi nei 30 euro. I profughi hanno diritto a una scheda telefonica con una ricarica da 15 euro solo all’arrivo. La struttura deve inoltre cercare di organizzare (spesso avviene in collaborazione con le associazioni, come la Caritas) corsi di mediazione linguistica, informazione, orientamento all’assistenza per formalizzare le domanda di protezione internazionale; assistenza sanitaria a carico del servizio sanitario nazionale.

Perché l'Italia li deve accettare?

Le direttive di Dublino dicono sostanzialmente che lo status di rifugiato politico può essere richiesto solo nel Paese in cui il profugo è arrivato per primo. Quindi se facessero richiesta in Francia o in Germania, gli verrebbe respinta. Una norma che, come è ovvio, va a gravare molto sui Paesi dell'area bassa del Mediterraneo: Italia, Grecia, Spagna. In realtà l'Italia non è una meta così ambita per chi chiede asilo: i profughi lo sanno anche che le possibilità lavorative qui non ci sono. Ci sono profughi che oggi chiedono di essere cancellati dagli elenchi italiani, così da poter andare altrove. Ma non lo possono fare, con questa norma: se sei stato accolto come rifugiato in Italia, puoi stare solo in Italia. Perché gli accordi di Dublino non vengono rivisti? Se ne parla da molto tempo. Purtroppo non siamo mai arrivati a un punto fermo. Se a un profugo non può essere riconosciuto l'asilo politico (la Commissione prefettizia può farlo solo se il rifugiato è vittima di persecuzione nel suo Paese d'origine: politica, religiosa, etnica, eccetera), gli si può comunque concedere la “protezione umanitaria”, che dura solo 1 anno e non 5 come l'asilo politico. Molti fra coloro che sono scappati dal Nord Africa hanno ottenuto questo “asilo temporaneo”. Il problema dell'accoglienza è che ancora non abbiamo “trovato la quadra”: l'Italia non ha mai utilizzato molto bene i fondi dell'Unione europea. Le soluzioni come quella di “parcheggiare” i profughi in un albergo sono costosissime, improvvisate e senza un vero risultato di integrazione.

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

San Michele: rinvio per la corsa Just the woman i am

La corsa solidale "Just the woman i am" prevista per questo weekend a San Michele è stata rinviata al 10 marzo a causa del maltempo. La ricerca universitaria sul cancro si promuove anche attraverso lo...

Dopo la neve la pioggia sulle nostre piste da sci

La settimana era iniziata alla grande, con una fitta nevicata che aveva portato oltre un metro di neve sulle nostre montagne. Una boccata d'ossigeno che ha permesso a tutte le nostre stazioni sciistiche di...

Attenzione alle truffe: cercano di introdursi nelle case, a Morozzo e Margarita

Allarme tra Margarita e Morozzo. In queste ore, i cittadini stanno segnalando la presenza di un'auto stationwagon di colore scuro, con a bordo due persone, che tentano di introdursi nelle abitazioni con la scusa...

Avis Dogliani: Mario Reviglio premiato per le 75 donazioni di sangue

Domenica 25 febbraio, la sala polifunzionale di via Chabat ha ospitato la 59ª assemblea annuale dei donatori di sangue dell’Avis di Dogliani. La mattinata si è aperta con le relazioni del presidente Roberto Gabetti...