Schianto a Pogliola: il caso è ancora aperto

Ancora da chiarire le cause alla base dell'incidente sulla provinciale verso Cuneo. Emergono dettagli sui deceduti, entrambi savonesi già finiti sotto inchiesta per reati anche molto gravi.

Ancora da chiarire le cause alla base dell'incidente in cui sono morte due persone sulla provinciale verso Cuneo. Emergono dettagli sui deceduti, entrambi savonesi e noti alle cronache liguri. Uno era stato condannato per tentato omicidio e traffico di droga, l'altro a processo per truffa.

Sono morti sul colpo, dopo uno schianto che ha proiettato uno di loro a 30 metri dal punto dell'impatto. Due le vittime, savonesi: erano a bordo di una moto e si sono scontrati con un fuoristrada. Alla guida della moto c’era Fabio Interrante, 40 anni. Sul sellino dietro di lui Lillo Mannarà, 60 anni. Verso le 17,30 di mercoledì 15 ottobre la “Kawasaki” su cui viaggiavano si è schiantata ad altissima velocità contro un Mitsubishi “Pajero” che si stava immettendo sulla sp 564. La moto sfrecciava in direzione Cuneo, il fuoristrada (guidato da un monregalese) era appena entrato nella corsia provenendo dalla stradina laterale dopo Pogliola.

L’urto è stato violentissimo: la moto è stata ridotta a un cumulo di macerie, il fuoristrada ha ruotato di 360 gradi finendo contro un albero e uno dei due motociclisti, il Mannarà, è volato a 29 metri dal punto dell’impatto. Interrante è stato sbalzato a lato strada assieme alla moto. Le domande aperte sono ancora tante: da dove proveniva la moto e dove era diretta? Perché viaggiava in quel tratto così “a razzo”? L'incidente è stato causato dalla velocità, dalla disattenzione del conducente, da un incrocio “pericoloso”?

Sul posto sono arrivati i Carabinieri da Mondovì, con pattuglie che hanno chiuso la provinciale per diverse ore. All'arrivo del “118” per i due centauri ovviamente non c’era più nulla da fare, i medici hanno prestato assistenza al conducente del fuoristrada, portato in ospedale sotto shock. Una testimone, che guidava un'auto giunta sul posto immediatamente dopo l'urto, è stata ascoltata dai Carabinieri in caserma. L’intera dinamica è al vaglio degli inquirenti: il fascicolo è in mano alla dottor Maurizio Picozzi, magistrato della Procura di Cuneo.

Solo nelle ore seguenti sono venuti a galla i dettagli sulle identità dei due deceduti. Con dettagli molto particolari: il Mannarà e l’Interrante erano infatti due volti e nomi notissimi alle cronache giudiziarie savonesi. Entrambi pregiudicati per fatti anche molto gravi: il Mannarà nel 1993 fu addirittura protagonista di uno scontro a fuoco avvenuto nelle strade di Savona, una sparatoria in cui erano coinvolte altre due persone (Lucio Saggio e un membro della famiglia savonese dei Fotia), episodio per cui si prese una condanna per tentato omicidio; altra condanna per traffico di droga, nel 2003. Nel 2006 il Mannarà e l’Interrante vennero entrambi arrestati, assieme ad altre decine di persone, con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata a una maxi tuffa ai danni di due società finanziarie. Il processo era ancora in corso.

Perché erano in questa zona? I Carabinieri affermano che non esistono elementi per supporre che i due fossero qua per ragioni “di affari”, non avevano nulla di anomalo a bordo della moto e smentiscono le voci secondo cui la moto avrebbe viaggiato a velocità così alta perché inseguita da qualcuno.

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

Carrù, la Settimana Arcobaleno “stravolge” e colora le Scuole

di Giulia, Maja, Mattia, Iris e Simone* Alla Scuola secondaria di Carrù si è svolta, dal 5 al 9 febbraio, una settimana “alternativa”, variopinta e allegra: la “Settimana Arcobaleno”. In questi giorni gli alunni hanno...

“Pregare oggi. Una sfida da vincere”. Primo incontro di Quaresima

Avviato, in città, l’itinerario di Quaresima incentrato sulla preghiera da riscoprire, guardando al Giubileo del 2025, sorretti dall’incontro coinvolgente col Signore: giovedì sera infatti, presso la parrocchia del Ferrone, ci si è posti in...

Siccità, l’allarme di Coldiretti: «La portata del Po dimezzata, quinto gennaio più caldo dal...

L’inizio d’anno bollente con una temperatura superiore di 1,6 gradi rispetto alla media storica aggrava la siccità nelle campagne e manda la natura in tilt. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulle...

Germano Caratto: “I migranti fra noi”- Incontro a Casa Regina Montis Regalis

Il tempo quaresimale è anche occasione per ascoltare “voci” documentate, profetiche e testimonianti, dalle frontiere delle urgenze più critiche oggi, in particolare facendosi consapevoli rispetto al problema delle migrazioni fra noi, con la chiamata...
libro cura dono volontariato

“La cura del dono”: un libro donato a sua volta per sostenere le Associazioni...

È in distribuzione nelle librerie e presso alcune Associazioni di volontariato di Mondovì, il libro “La cura del dono”, scritto dalla 4ª A del Liceo Classico di Mondovì, edito da “Gli Spigolatori” e illustrato...