Il Poli di Mondovì getta la spugna

Spariscono i corsi del Poli a Mondovì: l'ateneo di Torino ha annunciato che chiuderà la SDSS, la struttura decentrata, per mancanza di fondi.

Spariscono i corsi del Poli a Mondovì: l'ateneo di Torino ha annunciato che chiuderà la SDSS, la struttura decentrata, per mancanza di fondi. I corsi on line, la "teledidattica", era l'ultimo pezzo di Politecnico che Torino aveva lasciato a Mondovì dopo l'abbandono delle lezioni frontali quattro anni fa. Restano i master e la possibilità di attirare i laboratori.

Il sindaco Stefano Viglione guarda avanti: «Dopo aver subito le note decisioni del Senato Accademico di interrompere i corsi di laurea a Mondovì come nelle altre sedi decentrate piemontesi, il Comune si è adoperato al fine di assicurare una continuità dell’offerta universitaria in Città, non solo attraverso una nuova e diversa collaborazione con il Politecnico, ma stimolando anche l’interesse di nuovi interlocutori. In quest’ottica a partire da quest’anno si insediano a Mondovì due nuove realtà, l’Accademia delle Belle Arti e l’Università privata Cusano. Una opportunità che saprà portare nuova linfa alla Città degli studi oltre al conseguente indotto economico di cui Mondovì potrà beneficiare grazie ad una presenza nuovamente significativa di studenti. Sul fronte Politecnico, viene a terminare l’esperienza triennale degli SDSS, ma la presenza dell’Ateneo torinese a Mondovì prosegue non solo con i Master ma anche con nuove iniziative di formazione e ricerca che i vertici dell’università intendono porre in essere nei prossimi mesi anche attraverso il coinvolgimento degli istituti superiori monregalesi».

La Fondazione CRC: «Decisione presa già dal 10 settembre, il Comune sapeva»

Il comunicato stampa della Fondazione CRC sulla cancellazione della teledidattica “SDSS" sulla sede di Mondovì : «Si precisa che tale disposizione è frutto di una decisione congiunta, adottata da Politecnico di Torino, Comune di Mondovì, Associazione per gli Insediamenti Universitari in provincia di Cuneo e Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, nel corso di un incontro tenutosi a Cuneo in data 10 settembre alla presenza di tutti i partner dell’iniziativa sopra citati.  Le motivazioni alla base di tale decisione sono semplici ed evidenti: i costi molto elevati a fronte di un numero di iscritti che non ha mai superato il numero di 30.  La Fondazione CRC, che negli anni ha investito risorse importanti a favore degli insediamenti universitari in provincia di Cuneo, ha creduto nella possibilità di sperimentare un nuovo modello di didattica a distanza, e con questo spirito ha sostenuto, all’indomani della scelta del Politecnico di Torino di centralizzare sulla sede metropolitana torinese tutte le attività di didattica tradizionale, le tre annualità sperimentali dell’iniziativa SDSS. Le risorse deliberate sono state significative: 155 mila euro da parte della Fondazione messi complessivamente a disposizione negli anni 2011, 2012 e 2013, e oltre 400 mila euro in totale, tra risorse della Fondazione, risorse del Comune di Mondovì e risorse dell’Associazione per gli insediamenti universitari in provincia di Cuneo. Gli iscritti, frequentanti il primo anno di Ingegneria (comune a tutti gli indirizzi) sono stati 13 nell’anno accademico 2011/2012, 30 nel secondo anno e 24 nel terzo, conclusosi a giugno 2014.  Alla luce di tali numeri, che non prospettano una crescita di interesse tale da giustificare investimenti finanziari così significativi, i partner dell’iniziativa sopra ricordati hanno congiuntamente deciso di soprassedere, per l’anno accademico 2014/2015, all’iniziativa SDSS. Constatando con rammarico che le tre annualità di sperimentazione non hanno dato luogo al numero di iscrizioni che si auspicavano, i partner del territorio hanno manifestato al Politecnico di Torino la disponibilità per nuove forme di collaborazione, ove ve ne siano le condizioni».



Scopri anche

video

Rai1: “L’Eredità” parla delle bocce quadre di Mondovì

«In quale gara, a Mondovì, hanno trionfato la coppia padre figlio?». La domanda di Flavio Insinna a "L'Eredità", su Rai 1, guarda allo "sport cubico" della nostra città. La risposta (azzeccata dal concorrente) non...

I mezzi storici dei Vigili del fuoco esposti per “Santa Barbara” – FOTO E...

A Cuneo, in piazza Galimberti, ieri i Vigili del Fuoco hanno celebrato la patrona Santa Barbara con dimostrazioni ed esposizione dei mezzi storici.  

Carrù, addio alla prof. Liliana Rabbia: insegnò a generazioni di studenti

È mancata, all'età di 87 anni e dopo una breve malattia, Liliana Rabbia. Professoressa in pensione, a Carrù insegnò italiano a generazioni di studenti. In tanti la ricordano con affetto in paese. Con il...

Auto fuori strada a Barolo: grave 50enne

Incidente stradale a Barolo, nella mattinata di oggi (domenica 4 dicembre). Secondo le prime informazioni, un'auto è finita fuori strada e un uomo di 50 anni è stato portato in gravi condizioni ("codice rosso")...