«Alvei in condizioni pietose: è tempo di fatti, non di parole»

L’allarme del sindaco di Torre: «Il Casotto è diventato un bosco ceduo»

(m.b.) – Non solo in pianura, c’è timore per i propri fiumi. Si avvicina il ventennale della grande alluvione e il pensiero va subito là: a quei ruscelli diventati potenti, mostruosi, paurosi. Ma oggi, come stanno i nostri corsi d’acqua? A lanciare un grido d’allarme è il sindaco di Torre, Renzo Taravello: «Il nostro Casotto è in condizioni pietose. È tempo di fare prevenzione, non solo parole». Rami, boscaglia, frasche e veri e propri alberi sono cresciuti nel letto dei fiumi, e Taravello avverte: «Con alvei così stretti, in caso di alluvione, l’effetto diga sarebbe garantito. Dal ’94 ad oggi, nessuno “ha messo mano” a quello del Casotto, ci sono briglie di cemento che sono già state erose dall’acqua. Ricordiamoci che all’epoca l’effetto diga è partito dalle nostre zone, il 4 novembre. Il 5 era a valle, il 6 in pianura». Così, grazie anche alla collaborazione con il dott. Marco Botto, sul letto del torrente che scorre da Pamparato a San Michele, sono intervenuti alcuni forestali della Regione per ripulire un alveo che, denuncia il sindaco: «Si è ormai trasformato in un bosco ceduo». Sono interventi “a monte”, nel territorio di Pamparato e alla fine della scorsa settimana hanno iniziato l’intervento a Torre. Lavoreranno finché le condizioni del fiume lo permetteranno fino alla confluenza con il Corsaglia, in territorio sanmichelese. «Ringraziamo i forestali impegnati nelle nostre zone – ha confermato Michelotti –. Ritengo sia un intervento fondamentale per la tutela idrogeologica del territorio. Dovrebbe essere fatto tutti gli anni. Se i fondi non ci sono, ce lo lascino almeno fare a noi Comuni». «Il fondovalle è fragile e, se saltano i ponti, salta il collegamento con la valle Casotto. Dando una mano ai forestali con la Protezione civile, si dovrebbe riuscire a ripulire tutto il corso». Ed è questo quel che si spera di fare, perché l’alluvione del ’94 non sia solo un evento da ricordare, ma una lezione da tenere sempre presente. 

Funamboli: dopo Facchetti e Veltroni, anche Debora Sattamino fra i protagonisti

Tre appuntamenti per la terza settimana di maggio. Inizia così, con un tris di imperdibili incontri, l’edizione 2024 del Festival Funamboli – Parole in equilibrio, organizzato dall’associazione culturale Gli Spigolatori. La tematica di quest’anno,...

“Raid” sulle portiere: decine di auto rigate a Mondovì

Decine di auto rigate a Mondovì, in una serie di zone diverse della città: il piazzale dell'Istituto "Cigna", via Durando, largo XXIX Aprile. E l'ultima, nel pomeriggio di martedì 21 maggio, con un vero...

Maltempo a Garessio, torrente esondato sulla Provinciale

Violento nubifragio nel pomeriggio odierno su Garessio. Le squadre dei Vigili del fuoco locali sono intervenuti in regione Cascinotto per un torrente esondato nei pressi della Provinciale 178, la strada del colle di Casotto....

Fondo scivoloso: di nuovo rinviata la passeggiata “Esplorando Cigliè”

Il Comune e la Pro loco di Cigliè si vedono nuovamente costretti a rinviare l’evento “Esplorando Cigliè, alla scoperta di nuovi sentieri”, previsto inizialmente per i primi giorni di maggio, poi spostato a domenica...

Energia green: “Cer Concerti” e maxi cantiere della Bealera Maestra su Rai News

Nuova ribalta nazionale, venerdì 17 e sabato 18 maggio, per il progetto “Cer Concerti”, che ha dato vita, poco più di un mese fa, a 8 nuove Comunità energetiche da cabina primaria, coinvolgendo 25...
Luna Park Ceva 2024

A Ceva arriva il Luna Park

Arriva a Ceva, da venerdì 17 maggio il grande Luna Park in piazza Vittorio Veneto, con ben trenta attrazioni, tutte da provare e su cui divertirsi ed emozionarsi! Due le novità spettacolari di quest’anno:...