Ottavio Mazzonis seducente maestro della pittura figurativa

  Da sabato fino al prossimo gennaio, una grande mostra in due sedi, a Breo e Piazza

Nato nel 1921 in una famiglia torinese aperta a vari interessi e rapporti culturali (la madre soprano, il padre industriale tessile, collezionista e discreto disegnatore), Ottavio Mazzonis sviluppò precoci doti artistiche prendendo lezioni di disegno da Luigi Calderini e frequentando lo studio di Nicola Arduino, pittore figurativo e frescante di gran mestiere, memore della scuola di Giacomo Grosso.
Una formazione vicina all’Accademia, ma non freddamente accademica, la sua; basata sul fare, il ricercare, il guardare ad espressioni artistiche d’ogni epoca, filtrate da un gusto e una cultura sempre più affinate. Un’operosità assidua, elegante, discreta; un’arte attenta all’antico, ma non polverosa e non semplicemente mimetica.
Alla base di ogni sua opera, la forma, il disegno. Maestria di tratti e di pennellate; rigore e vigore nell’impaginare le scene, nell’impostare le luci e le tonalità ora con effetto teatrale, ora con sensibilità intimistica, ora con sguardo delicato e sognante di fronte alla bellezza femminile. Una pittura colta, fuori del tempo e fuori delle tendenze prevalenti, eppure dotata di una sua modernità, perché “il classico ha una forza di verità sempre attuale”. Pittore del sacro e del profano: di grandi tempere memori del Bortoloni nel presbiterio della cappella del nostro Seminario a Piazza, 1963, di cui la mostra propone i cartoni preparatori (l’Annunciazione, Dio creatore, San Sebastiano e San Giuseppe); di grandi tele e pale d’altare, da quelle giovanili nelle nostre chiese di Fontane e di Nucetto, alle raffigurazioni di martiri e santi e alla drammatica sequenza della Via Crucis per la chiesa del Rosario a Cento (Ferrara) e per il Duomo di Noto. E ancora, autore di ritratti e autoritratti dal nitore rinascimentale; di piccoli paesaggi alla Corot e di grandi scene oniriche che si rifanno all’iper-romanticismo del Bocklin (l’insistenza sull’Isola Ildebranda dichiaratamente ispirata all’ Isola dei morti); e nature silenti alla Chardin; e soprattutto nudi vaporosi che richiamano certo decorativismo floreale ma con vitali tocchi innovativi. E Madonne e studi per soffitti tiepoleschi; scene della Passione arieggianti il Piazzetta, e, nella chiesa di Cento, un confronto diretto col Guercino; salvo arrivare poi al limite dell’informale in una grande inquietante “Nube”.
Un’arte spiazzante, controcorrente, quella del maestro Mazzonis per i tanti modelli a cui si rifà, per i tanti echi che evoca; eppure interiorizzata, fatta propria per amore dell’arte, della bellezza, con mestiere saldo e sincero, con una “ricerca regina della rappresentazione”, come suona il titolo della mostra. E tra le assonanze che possiamo localmente tentare, quella con certe figure simboliche in una luce d’acquario dipinte da Fracchia (allievo di Grosso) nel Circolo di Lettura di Piazza e quella con le sinuose figure adolescenti morbidamente modellate da Unia, che infatti fu buon amico di Mazzonis.

Santa Lucia Villanova Mondovì

Il Santuario di Santa Lucia a Villanova Mondovì riapre i battenti

Il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì si staglia dal XVI secolo sul versante del Monte Calvario (o Momburgo) dominando la Valle Ellero ed è erede di un’antica devozione popolare, ancora oggi viva...

Ritrovato a Sale San Giovanni il 27enne scomparso da Torino

Si sono concluse le operazioni di ricerca nei boschi di Sale San Giovanni, scattate dall'ora di pranzo, a seguito dell'avvistamento di un 27enne allontanatosi il 30 maggio scorso dalla struttura presso cui era ricoverato...

Bye bye Barocco, a Mondovì a luglio arriva Andy Warhol

Addio Barocco, welcome Pop Art. Ladies and gentlemen, a Mondovì dopo il Caravaggio arriva Andy Warhol: l’ex chiesa di Santo Stefano si prepara a staccare i quadri dei maestri della luce e ad ospitare...

Addio al tenente Diego Bonavera: fu carabiniere a Frabosa e Mondovì

L’Arma dei Carabinieri piange la scomparsa del tenente Diego Bonavera. È scomparso questa mattina all’ospedale “Policlinico di Monza” di Alessandria, a seguito di una malore. Aveva solo 45 anni ed era conosciuto e apprezzato...
rifugio serre di oncino

Al Rifugio Serre di Oncino la “cucina piemontese delle origini”

Abbiamo intervistato Riccardo Ferraris, gestore del Rifugio Serre di Oncino, in valle Po, inaugurato da pochi giorni. Con la famiglia gestisce anche il ristorante “La Raviola Galante” a Scurzolengo (AT), dove si propongono piatti...

A Mondovì a luglio e agosto attivo il servizio di “Scuola Materna estiva”

Anche per il 2024 il Comune di Mondovì attiverà la Scuola Materna estiva, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze delle famiglie con genitori entrambi lavoratori, assicurando così un accompagnamento educativo-assistenziale durante il periodo delle...