Un lessico da ripulire, perché discrimina

 “Anche le parole possono uccidere” – Manifesti in 10mila parrocchie – Battaglia di civiltà

Un africano chiamato negro, un arabo chiamato terrorista, una donna rom chiamata ladra, un ragazzo chiamato ciccione. I volti sono squarciati e frantumati da queste parole, usate come se fossero armi. Sono le immagini forti usate nella Campagna “Anche le parole possono uccidere” promossa da Famiglia Cristiana, Avvenire, Fisc, agenzia Armando Testa, contro ogni tipo di discriminazione, con l’hashtag concept #migliorisipuò. La campagna – presentata giovedì scorso alla Camera dei deputati – sarà diffusa anche in 10mila parrocchie. «Vogliamo che cresca una società più tollerante e meno discriminatoria – ha spiegato don Antonio Sciortino, direttore di Famiglia Cristiana –. In Italia si torna ad urlare nelle piazze contro gli immigrati scaricando su di loro i mali della crisi e di questa società». Don Sciortino ha citato i dati di una inchiesta secondo cui il 66% degli intervistati ha dichiarato di essere discriminato almeno una volta nella vita. «Oggi è molto comune essere oggetto di discriminazione, non solo per gli immigrati – ha detto –. I rom sono considerati ladri a prescindere da qualsiasi comportamento. Vogliamo portare avanti una battaglia di civiltà. Bisogna tenere a freno la lingua perché le parole sono come proiettili».
Per Marco Tarquinio, direttore di Avvenire, questi temi sono «parte di un nostro modo di comunicare. Oggi c’è bisogno di una alfabetizzazione nuova perché c’è un uso smodato delle parole che uccidono. C’è stato in questi anni un processo di imbarbarimento, di involgarimento e di incattivimento sui giornali». Le quattro parole chiave – negro, terrorista, ladra, ciccione – «non sono scontate – ha puntualizzato –. I giornali di ispirazione cattolica sono da sempre dalla parte di quelli di cui si dice male ma non per buonismo e pietismo». Don Bruno Cescon, vicepresidente della Fisc, a nome dei 190 settimanali diocesani ha sottolineato che «un linguaggio neutro non esiste. Le parole hanno sempre un significato e conducono da qualche parte. I nostri settimanali cercano di essere presenti dovunque, vicini alle famiglie. Scardinare pregiudizi e parole non è facile, a noi spetta il compito di sentirci corresponsabili di ciò che accade ». Marco Testa, presidente del Gruppo Armando Testa, ha precisato: «Questa campagna può essere giudicata un po’ forte ma io spero possa entrare nell’anima della gente e far nascere dei dibattiti».

RI-FONDAZIONI: Raviola in SP, Gola in CRC e Robaldo punta al “tris”

Le ruote hanno girato in meno di 24 ore. «Mi lascio alle spalle otto anni di impegno in CRC e si apre una nuova sfida in Compagnia San Paolo». Lunedì 15 aprile Ezio Raviola...
Rodolfo Dodo Rosso

Lutto nel mondo della pallapugno: addio a Rodolfo “Dodo” Rosso

Lutto nel mondo della pallapugno per la scomparsa improvvisa, a 68 anni, di Rodolfo "Dodo" Rosso. Un protagonista del balon che nel 1983 vinse lo scudetto contro Felice Bertola con la maglia della Spec...

“Esperienze artigiane sul palco”, a Carrù premiate le aziende per la loro fedeltà associativa

Con uno spettacolo dedicato alla leggenda Bob Dylan si è aperta a Carrù l’edizione 2024 di “Esperienze artigiane sul palco”, la rassegna organizzata da Confartigianato Imprese Cuneo per proseguire, nel solco dei “Creatori d’Eccellenza”,...

Vicoforte incidente ai Gandolfi, due auto coinvolte

Si è verificato un incidente nella serata di oggi, domenica 21 aprile, presso località Gandolfi a Vicoforte. Ci sono due auto coinvolte, dalle prime informazioni non ci sarebbero feriti gravi. Sul posto...

Garessio: il parco del Boschetti sfregiato dai vandali

Vandalizzata la lapide e diversi arredi presenti nel parco dei Boschetti. L’ennesimo gesto di inciviltà e mancanza di coscienza civica, prontamente condannato dall’Amministrazione comunale. «Il simbolo che è stato tracciato sulla targa in prossimità...
Nord Sud Castello Cigliè

Nord vs Sud: la disfida dei vini “Al Castello” di Cigliè

Venerdì scorso si è svolto il secondo appuntamento delle “4 sere Al Castello” di Ciglié, con l’intero ristorante dedicato all’evento “Bolle al buio - Sicuri di essere grandi intenditori di bollicine?”, in cui vini...