Ladri di notte in un bar e una profumeria

Doppio furto nella stessa notte: prima in un bar, poi in una profumeria di Breo. Potrebbe trattarsi delle stesse persone, ma i Carabinieri non ritengono che il primo colpo sia stato un “diversivo”.

Non si sono neppure curati dell’allarme o delle telecamere. Hanno sfondato la porta e, senza troppi problemi, hanno cominciato a fare manbassa fra gli scaffali di “Garelli”. Il bottino: quasi 600 confezioni di profumi e cosmetici. Potrebbe trattarsi delle stesse persone che, la stessa notte, hanno colpito il bar “Mojito” di via Rosa Bianca: ma i Carabinieri non ritengono che il primo colpo sia stato un “diversivo”.

Il furto è avvenuto nella notte fra giovedì 6 e venerdì 7 novembre, circa verso le 3 di notte. Erano in tre, col volto coperto: sono entrati nella profumeria di via Sant’Agostino, in pieno centro di Breo, e in pochi minuti hanno saccheggiato gli scaffali. Hanno spaccato la porta con un “piede di porco”, facendo scattare ovviamente l’allarme, ma non se ne sono curati. Le telecamere di sicurezza hanno ripreso tutta la scena. Dopo il colpo, i tre si sono dileguati a bordo di una station wagon. Il proprietario è arrivato sul posto poco dopo, coi Carabinieri, ma non ha potuto fare altro che conteggiare il valore del furto: più di 500 scatole fra profumi, cosmetici e merce di gran marca.

Nella stessa notte qualcuno ha tentato un furto in un bar-tabaccheria di via Rosa Bianca, il “Mojito”: vetrina spaccata, ma niente colpo. Il fatto si sarebbe verificato poco prima del “saccheggio” alla profumeria: «Potrebbe trattarsi degli stessi responsabili – afferma il capitano Raffaello Ciliento, comandante dei Carabinieri di Mondovì –, stiamo cercando dei riscontri. I profumi sono merce facilmente vendibile e non rintracciabile». L’idea che qualcuno abbia prima provato a colpire un bar, senza ultimare il furto, e poi si sia spostato verso una profumeria con articoli di valore decisamente più alto fa quasi pensare che il primo colpo fosse… un diversivo, per sviare l’attenzione delle forze dell’ordine. «Tutte le ipotesi sono plausibili – risponde il capitano –, ma al momento non crediamo che sia andata così. Sempre ammesso che si tratti delle stesse persone, potrebbero aver prima hanno tentato in una zona e poi, non riuscendo, si sono spostati in un’altra area».

Scopri anche

Neve in serata: domani “allerta gialla” per ARPA su Monregalese e Cebano

Dopo le nevicate dello scorso fine settimana, torna la neve sul Monregalese e sul Cebano. La neve è attesa per la notte fra giovedì 8 e venerdì 9 dicembre. ARPA Piemonte ha diramato lo...

A Mondovì “Babbi Natale in Harley Davidson” per i bambini in Ospedale

Niente slitta: all’Ospedale di Mondovì Babbo Natale arriva in Harley Davidson. E non arriva da solo, anzi: ci saranno una ventina di “Babbi motociclisti” domenica mattina 11 dicembre, alle 10, sotto le finestre del...

Mondovì: oggi è il giorno della “Babbo Run”. E parte il foto-contest natalizio

Oggi, giovedì 8 dicembre, le strade di Mondovì saranno invasi dai Babbi Natale: torna la “Babbo Run”, la camminata in costume da Babbo Natale non competitiva (e aperta anche agli amici a quattro zampe). L’appuntamento...
Influenza Piemonte

Il sindacato degli infermieri: «Il picco dell’influenza e l’aumento dei casi Covid intasano i...

«L'aumento dei casi di influenza in Piemonte e anche di Covid, con il conseguente intasamento dei Pronto Soccorso di molti ospedali soprattutto a Torino, sta creando una grande preoccupazione».  Lo afferma Nursing Up, il...