Amianto, quanti danni a Mondovì? «Non si può sapere»

La legge anti-amianto del '92 nacque praticamente a Mondovì. Ma oggi il problema è il monitoraggio danni: è fermo dal 2001. Perché?

La sentenza che ha scosso l’Italia non poteva non indignare Mondovì. Perché questa è la città da cui nacque la legge anti-amianto, almeno la bozza: la 257 del 1992, quella che vieta la produzione e la commercializzazione di Eternit. All’indomani della chiusura del fascicolo bis sulla strage di Casale, decisione della Cassazione che chiude con la prescrizione il reato di disastro ambientale, l’ondata di sdegno è stata enorme in tutto il Piemonte. Anche a Mondovì, dove la “Arasis” da anni lotta su questo terreno. «Ma il problema qua è un altro – commenta il presidente
Elio Sartorio –: dal 2001 non ci vengono forniti i dati sul monitoraggio».

Anche se è una storia di 20 anni fa, in tanti ancora si ricordano bene che la prima grande sentenza Eternit ha le radici qua a Mondovì: perché la legge 257 venne alla luce anche grazie all’impegno di operai monregalesi, lavoratori che uscirono dal loro stabilimento e portarono le loro voci alla politica. L’Eternit era dappertutto: sulle tettoie, sui tubi, veniva addirittura usato come polvere assorbente al posto della segatura. Oltre che come componente in alcune lavorazioni. Insomma l’amianto, minerale a struttura fibrosa dai mille impieghi e dalle mille qualità, era praticamente ovunque. Fu il deputato monregalese Natale Carlotto, già direttore della Coldiretti, che esortò i lavoratori a mettersi all’opera su quella che poi sarebbe stata trasformata in proposta di legge e firmata dai parlamentari.

Mondovì, questo è certo, non è Casale: «Però i casi di mesotelioma ci sono stati anche qua – afferma Sartorio –, di alcuni ho notizia personalmente». Quanti? Il presidente dell’Arasis, Associazione rischio amianto e sostanze inquinanti, scuote la testa: «Ecco, il problema è proprio questo – dice –, non si può sapere. Perché purtroppo a partire dal 2002 la Regione ha bloccato il progetto di monitoraggio che seguivamo assieme coi servizi di prevenzione. Prima competeva allo Spresal, ora invece è passata ai medici di base».

ARTICOLO COMPLETO su L'Unione Monregalese del 26 novembre

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...
Pistoletto fondazione crc cuneo

Ezio Raviola nominato nel Consiglio di Compagnia Sanpaolo

Ezio Raviola, monregalese e attuale presidente della Fondazione CRC, va in Fondazione Compagnia Sanpaolo. È stato nominato oggi, giovedì 29 febbraio, nel consiglio generale della Fondazione torinese. Uno scenario che si incastra in un...

Nove anni di condanna a una ex dipendente della Coop di Mondovì: sottrasse 2,5...

Era stata una lavoratrice irreprensibile, almeno fino al 2020. Solo dopo, per la precisione ad ottobre, si è scoperto che aveva duplicato i libretti di deposito di alcuni soci prestatori della Coop di Mondovì,...

Nuovo defibrillatore: Farigliano vuole diventare territorio “cardio protetto”

Grazie alla donazione di un defibrillatore semiautomatico “Dae” da parte della famiglia di Aldo Vajra (noto viticoltore del territorio), l'Amministrazione comunale di Farigliano, nei giorni scorsi, ha installato una nuova postazione “salva vita” a...

Francesco e Ylenia, poliziotti insieme: «Abbiamo coronato il nostro sogno»

21 anni lei, di Villanova. 24 anni lui, di Rifreddo (Mondovì). A Roma nelle scorse settimane hanno coronato il loro sogno, insieme, superando il corso d’ammissione per entrare nella Polizia di Stato. Ylenia Aggeri...