“Porta a porta” a Beinette: passaggio tra le difficoltà

A tre settimane dall’attivazione, l’assessore Mario Franchino traccia un primo bilancio

Il 3 novembre sono stati 13 i Comuni aderenti al Consorzio Ecologico Cuneese, tra i quali Beinette, ad essere interessati al nuovo servizio di raccolta dei rifiuti con il metodo del “porta a porta”. A tre settimane dall’inizio del servizio si possono già fare i primi bilanci, le prime considerazioni. Abbiamo sentito in proposito l’assessore all’Ambiente del Comune di Beinette, Mario Franchino, che sta seguendo l’evoluzione del nuovo metodo e sta cercando di gestire nel modo più indolore possibile la complicata fase di transizione, con il supporto dell’Ufficio tecnico, dei cantonieri e della Polizia locale. «Bisogna essere obiettivi ed evitare ogni ipocrisia – ha spiegato Franchino –. Tutti noi, amministratori e cittadini, immaginavamo un passaggio più agevole. Le criticità sono molte e sulla carta tutto pareva più semplice. Si è partiti bene, con una grande partecipazione di pubblico alle serate informative gestite dalla ditta appaltatrice del servizio di raccolta: diamo atto ai cittadini di essere stati disponibili ed attenti. Sono poi iniziate le complicazioni nel momento in cui la ditta incaricata ha iniziato a portare via dalle strade i vecchi cassonetti, in molti casi senza riuscire, contestualmente, a dotare capillarmente delle attrezzature richieste tutte le utenze condominiali e quelle produttive. Sono state parecchie le utenze che si sono trovate senza gli abituali, vecchi cassonetti stradali e, contemporaneamente, non ancora provviste dell’attrezzatura necessaria per conferire i rifiuti con il nuovo metodo».

Articolo completo su L'Unione Monregalese in edicola oppure nell'edizione digitale.

Scopri anche

Lartigue: gli scatti del “fotografo della Belle Époque” in mostra a Piozzo

Il sogno diventerà realtà. Come già annunciato nei primi mesi del 2021, ormai da tempo l’Amministrazione comunale di Piozzo si sta muovendo per l’organizzazione di un evento turistico su larga scala, dedicato al fotografo...

Il ritorno dei “babi cru”: riscoperta un’antica varietà di pere, ormai dimenticata

“Carù, pais di babi cru”. Perché, praticamente da sempre, i cittadini di Carrù sono chiamati “babi cru”? Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, i rospi (“babi”, in dialetto), non c’entrano nulla. Con il...

Mondovì, un piano per i negozi sfitti: “comodato gratuito temporaneo” per favorire l’apertura di...

Un censimento dei negozi sfitti e un incontro a tre fronti, coi proprietari e le agenzie immobiliari. Ecco uno dei passi che il Comune metterà in atto nel “piano per il rilancio del commercio”...

Neve in serata: domani “allerta gialla” per ARPA su Monregalese e Cebano

Dopo le nevicate dello scorso fine settimana, torna la neve sul Monregalese e sul Cebano. La neve è attesa per la notte fra giovedì 8 e venerdì 9 dicembre. ARPA Piemonte ha diramato lo...