Difesa idraulica del centro di Dogliani: il progetto al vaglio della Regione

Sopralluogo dei funzionari insieme al capo della Protezione civile, Picco.

È al vaglio della Regione il progetto da quasi un milione e 200 mila euro per la messa in sicurezza del concentrico di Dogliani dai ricorrenti fenomeni di dissesto di natura idrogeologica ed idraulica. Nei giorni scorsi, infatti, i funzionari regionali (accompagnati dal capo della Protezione civile doglianese, Picco) hanno effettuato un primo sopralluogo per la valutazione e fattibilità di questa tipologia di interventi, mirati ad aumentare la sicurezza del centro doglianese, soggetto, durante le forti piogge, ad allagamento. Non si è trattato, dunque, come erroneamente comparso in un sottotitolo sullo scorso numero del nostro giornale, di una ricognizione relativa alla richiesta di modifiche ai regolamenti che pongono severi limiti all’asportazione di materiale litoide da fiumi e torrenti. Il progetto all’attenzione della Regione, invece, è scaturito dalla proposta della Commissione sopralluoghi del Gruppo comunale di Protezione civile, cui hanno fatto seguito le ricognizioni dei tecnici comunali, nel corso delle quali si sono evidenziate notevoli criticità. Per questo, si è dato incarico ad uno studio di ingegneria, per un progetto che contempli sia gli interventi lungo l’alveo del torrente Rea, da realizzarsi a monte del concentrico, finalizzati al controllo dei volumi di materiale solido trasportato dalla corrente; sia le opere in ambito urbano finalizzate all’intercettazione ed al convogliamento nel Rea dei deflussi di origine meteorica che, esaurita la capacità di trasporto della fognatura bianca comunale, dovessero defluire lungo le strade del centro, come nel caso del recente evento del luglio scorso. Il progetto è stato inserito nel piano triennale delle opere pubbliche come intervento programmato per il 2015. Ed è proprio per questo che il Comune ha già proceduto a chiedere l’ok alla Regione, che ha mandato i tecnici per le verifiche sul campo. La speranza è che il progetto, per il quale è stata richiesta la suddivisione in due lotti, possa ottenere i finanziamenti adeguati, in modo tale da poter procedere con l’appalto dei lavori.

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...
Pistoletto fondazione crc cuneo

Ezio Raviola nominato nel Consiglio di Compagnia Sanpaolo

Ezio Raviola, monregalese e attuale presidente della Fondazione CRC, va in Fondazione Compagnia Sanpaolo. È stato nominato oggi, giovedì 29 febbraio, nel consiglio generale della Fondazione torinese. Uno scenario che si incastra in un...

Nove anni di condanna a una ex dipendente della Coop di Mondovì: sottrasse 2,5...

Era stata una lavoratrice irreprensibile, almeno fino al 2020. Solo dopo, per la precisione ad ottobre, si è scoperto che aveva duplicato i libretti di deposito di alcuni soci prestatori della Coop di Mondovì,...

Nuovo defibrillatore: Farigliano vuole diventare territorio “cardio protetto”

Grazie alla donazione di un defibrillatore semiautomatico “Dae” da parte della famiglia di Aldo Vajra (noto viticoltore del territorio), l'Amministrazione comunale di Farigliano, nei giorni scorsi, ha installato una nuova postazione “salva vita” a...

Francesco e Ylenia, poliziotti insieme: «Abbiamo coronato il nostro sogno»

21 anni lei, di Villanova. 24 anni lui, di Rifreddo (Mondovì). A Roma nelle scorse settimane hanno coronato il loro sogno, insieme, superando il corso d’ammissione per entrare nella Polizia di Stato. Ylenia Aggeri...