Processo rinviato: il Console non sa l’italiano

Il processo si blocca perché la testimone, che si è presentata come il console egiziano in Italia,... parla solo inglese.

«It’s too far, your honor!», è troppo lontano, vostro onore. Una frase che non si sente tanto spesso in un’aula di giustizia di un Tribunale di provincia come quello di Mondovì. Soprattutto se a pronunciarla è una testimone che si è presentata come il console egiziano in Italia. È stata chiamata a deporre a difesa di un imputato finito a giudizio per una patente apparentemente taroccata. Nasce come banale processo per documenti falsi, diventa quasi un caso di studio.
L’imputato è un egiziano residente nelle Langhe, A.G., che nel 2012 fu fermato dalla Polizia dopo un incidente stradale avvenuto a Carrù. L’uomo mostrò agli agenti la propria patente e i poliziotti, dopo i normali controlli, notarono strane irregolarità. Un confronto coi database dell’Interpol li portò a dedurre che si trattava di un falso: «Dai raffronti sono emerse molte discordanze – ha spiegato in aula l’agente della Polizia scientifica –: il modello era simile a quello delle patenti emesse dopo il 2009, ma mancava il codice a barre. La foto era in bianco e nero e stampata con una tecnica diversa da quella che avrebbe dovuto essere, la tessera era ricoperta da una doppia pellicola anziché da una singola. Alcuni fori che dovrebbero essere stampati a macchina sulla tessera sembravano invece essere fatti a mano». Il pubblico ministero, il vpo Alessandro Borgotallo, ha mostrato all’agente la copia di fax giunta in Questura dal Consolato egiziano della sede di Milano: un documento in cui, con un italiano a tratti errato, il console dichiarava che quella patente era autentica. Un intervento istituzionale abbastanza inusuale: ma l’imputato avrebbe dichiarato che di professione aveva fatto da autista per il console in persona. «È normale – ha chiesto il pm – che la Questura chieda al Consolato di intervenire su questa vicenda?». L’agente: «Non l’abbiamo interpellata noi».
Il console, però, al processo si è presentata davvero. Ma al momento di prestare il giuramento… ha affermato di non saper parlare italiano: «Only english or arabic language», solo inglese o arabo, ha detto la donna al giudice Ruggiero. Il magistrato le ha immediatamente spiegato che l’udienza non si sarebbe potuta svolgere in una lingua differente dall’italiano e che era necessario far intervenire un interprete riconosciuto dal Tribunale. Quando le è stato detto che il processo sarebbe stato sospeso e rinviato a marzo, la testimone ha protestato: «Ma vostro onore, è una data troppo lontana – ha detto (in inglese), rivolgendosi direttamente al giudice –, non è possibile chiamare un interprete ora? Io vengo da Milano, ho dovuto chiudere il mio ufficio per poter essere qua alle 8 e ho aspettato quattro ore prima che mi faceste entrare». Ma ovviamente non è stato possibile ammettere la testimonianza. Il processo è stato aggiornato, la console potrebbe far pervenire una documentazione scritta.

RI-FONDAZIONI: Raviola in SP, Gola in CRC e Robaldo punta al “tris”

Le ruote hanno girato in meno di 24 ore. «Mi lascio alle spalle otto anni di impegno in CRC e si apre una nuova sfida in Compagnia San Paolo». Lunedì 15 aprile Ezio Raviola...

Vicoforte: il questore vicario Manganaro: “La Mafia oggi si è evoluta, è difficile da...

In occasione della giornata regionale della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie e per la promozione della cittadinanza responsabile, il comune di a Vicoforte ha organizzato un appuntamento dedicato...

La “Festa del cece” di Nucetto miglior evento 2023

La "Festa del cece" di Nucetto è stata votata e giudicata come il miglior evento del 2023 nella categoria mostre mercati e fiere del "Premio ITALIVE", che viene organizzato ogni anno con l’obiettivo di...
video

VIDEO – Crozza in TV: «Milano non è mica Mondovì, dove sono capaci sia...

Simpatico siparietto nell'ultima puntata  di "Fratelli di Crozza", su NOVE Discovery: il comico cita Mondovì come esempio di città, virtuosa perché di piccole dimensioni, in cui il Comune riesce sia a potare le piante...

Mattia Germone confermato presidente della Banda musicale di Mondovì

Giovedì 18 aprile si è tenuta presso la sede della Banda Musicale di Mondovì l'assemblea annuale di tutti i soci 2024. L'occasione era quella, oltre che per l'approvazione del bilancio, del rinnovo delle cariche...
Nord Sud Castello Cigliè

Nord vs Sud: la disfida dei vini “Al Castello” di Cigliè

Venerdì scorso si è svolto il secondo appuntamento delle “4 sere Al Castello” di Ciglié, con l’intero ristorante dedicato all’evento “Bolle al buio - Sicuri di essere grandi intenditori di bollicine?”, in cui vini...