Viglione e la continuità politica del centrodestra a Mondovì

Intervista al sindaco a metà mandato. «Non rifarò l'amministratore. Il futuro? Niente "larghe intese", spero in un progetto che nasca dalle persone».

«Parlare di politica? Lo farei più da… osservatore». Stefano Viglione esordisce così, quando gli si chiede di discutere degli scenari futuri della città. Scenari politici: perché di quelli amministrativi, opere pubbliche e soldi che mancano, si parla spesso. Invece poco si parla dei movimenti e delle ipotesi. L’occasione c’è, anche perché Viglione è arrivato ora a metà del suo mandato… e non è troppo presto per chiedersi cosa arriverà dopo.

Sindaco, questa città da anni ha una scena politica tutta sua: maggioranze trasversali, alleanze diverse da quelle regionali o nazionali. Come mai?
«Io credo che qui si sia sempre guardato più al nome che al partito, con Amministrazioni che sono state formate dalle persone prima che dai simboli. Forse in questo Mondovì è stata una città che ha anticipato i tempi, visto che oggi anche i blasonati partiti politici nazionali si presentano alle elezioni con liste civiche».

Ma lei si ritiene un “uomo di partito?
«Non in senso militante. Mi ritengo da sempre di pensiero liberale, questa è la mia concezione sul ruolo del pubblico e dello Stato. Ma già alle ultime elezioni io mi sono presentato prima di tutto con cinque liste civiche, a cui poi si sono aggiunte quelle dei partiti coi loro simboli».

Oggi pare che il vento tiri in direzione degli… accordi a 360 grandi. C’è chi le chiama “larghe intese” e che “grandi ammucchiate”. Lei che ne pensa?

«Non mi sono mai piaciute».

Anche la Provincia ha formato una squadra composta da esponenti di partiti e movimenti diversi: ha fatto male?
«È una cosa differente. Io credo che in momenti di transizione e difficoltà, e lo scenario provinciale era fra questi, si possa guardare al di là di alcune divergenze e fare fronte comune per un breve periodo. Questo però non può valere se si sta parlando di un progetto amministrativo di lungo corso, qual è la durata di un mandato per governare una città. Va bene dialogare, ma senza perdere la propria visione».

E parlando di Mondovì? Non mi dica che non avete pensato alla successione…

«È ovvio che auspico....»

INTERVISTA COMPLETA su L'Unione Monregalese del 14 gennaio

Musica, spettacoli, cinema all’aperto, circo, arte: a Mondovì un luglio pieno di cose da...

Abbiamo raccolto qui, in un'unica pagina, gli eventi in programma a luglio a Mondovì.: sarà un'estate decisamente ricca di appuntamenti con MoVì Festival, Piazza di Circo, i Doi Pass. Clicca su ogni articolo per i...

Intervista al neosindaco di Piozzo: «Priorità al riutilizzo della Casa di riposo»

Sergio Lasagna è stato eletto sindaco soltanto la scorsa settimana, dopo aver battuto la concorrenza del primo cittadino uscente, Antonio Acconciaioco. In questi giorni, si è già messo al lavoro sulle questioni più impellenti....

Mondovì, a luglio quattro serate di cinema all’aperto in piazza Maggiore

Torna il "Cinema sotto le stelle" a Mondovì Piazza: cinema all'aperto in piazza Maggiore, nel martedì 2, 9, 16 e 23 luglio. Un film ogni sera, a ingresso gratuito, a partire dalle 21.30 sul...

Frontale a Garessio sulla Statale 28, riaperta la strada

Poco prima delle 15,30, è stata riaperta al traffico la strada statale 28 del Colle di Nava. A causa di un incidente stradale, era stata chiusa nel primo pomeriggio, in entrambe le direzioni, a...

Crava vince il “Palio delle frazioni” di Rocca de’ Baldi

Al "Palio delle frazioni" di Rocca de' Baldi, dopo due settimane di gare, nella serata finale di sabato 22 giugno, trionfa la squadra di Crava. Vittoria al fotofinish per Crava, che centra il successo finale...

A Mondovì a luglio e agosto attivo il servizio di “Scuola Materna estiva”

Anche per il 2024 il Comune di Mondovì attiverà la Scuola Materna estiva, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze delle famiglie con genitori entrambi lavoratori, assicurando così un accompagnamento educativo-assistenziale durante il periodo delle...