I primari si attivano per il futuro dell’Ospedale di Mondovì

Si cerca una rassicurazione. Non per il presente, perché l’Ospedale di Mondovì va bene e ha numeri tutti in salita, ma per il futuro.

Si cerca una rassicurazione. Non per il presente, perché l’Ospedale di Mondovì va bene e ha numeri tutti in salita, ma per il futuro. Per capire quale ruolo può avere nel Piano sanitario regionale che lo ha classificato come Dea di I livello “da valutare a fine anno”. Così, per la prima volta, la questione non è rimasta confinata negli incontri politici ma si è allargata ai professionisti: i medici. I primari si sono mossi e hanno incontrato il sindaco e il viceministro Enrico Costa, iniziando a fare dei ragionamenti sulla scena sanitaria piemontese. Senza allarmismi, ma con la volontà di andare a fondo nelle perplessità che sono venute a galla dopo l’approvazione del Piano. In sostanza, ancora aleggia la domanda: cosa vuole fare la Regione del “Regina Montis Regalis”?

Il “caso dell’asterisco”
È un caso, quello dell’Ospedale, che non accenna a spegnersi. È cominciato poche settimane fa, quando la Regione Piemonte ha presentato il Piano sanitario 2014: e assieme a questo ha approvato la “mappa” degli Ospedali piemontesi, assegnando a ogni nosocomio un ruolo e una classificazione. Il “Regina Montis Regalis” veniva classificato come “DEA di I livello”… sotto condizione. Un po’ a sorpresa, c’era una postilla: un asterisco e una precisazione che diceva «da valutare entro il 31 dicembre 2015». Una sorta di “giudizio sospeso” che ha immediatamente sollevato una marea di domande fra coloro che, più attenti alle meccaniche interne, si sono accorti che quell’asterisco non era del tutto normale. Quasi immediatamente la Regione, anche attraverso le pagine del nostro giornale (un’intervista al direttore sanitario Fulvio Moirano), dava spiegazioni e qualche rassicurazione: «Mondovì è un Ospedale che sta andando molto bene – fu la dichiarazione di Moirano –: è in crescita, uno dei pochi in Piemonte che ha un trend positivo, quasi tutti gli altri sono calati in termini di attività mentre Mondovì è cresciuto. Ha dei reparti con numeri molto importanti come Chirurgia e Ortopedia, perché ha capito che vero punto di forza di un Ospedale sono i primari».

Incontri con i primari
Non a caso lo stesso ragionamento, puntare sui numeri e sui primari, è stato fatto qui: “muovere le carte” per pensare al futuro, partendo dai medici. In questo contesto sono avvenuti una serie di incontri, in settimana, tra la politica (il sindaco Stefano Viglione e il viceministro Enrico Costa) e il personale medico. «Non vogliamo sollevare polveroni – è la posizione dei primari –. Diciamo che vogliamo fare qualche ragionamento, capire quale può essere il futuro di questo ospedale». Quel famoso “asterisco” preoccupa, ma più che lamentarsi si sta guardando alla crescita. Il “Regina Montis Regalis” è a tutti gli effetti un Ospedale nuovo: aperto da poco più di cinque anni grazie anche a una fortissima volontà del territorio di poter contare su un presidio moderno e funzionale. È giusto che una struttura come questa debba giocoforza fare ragionamenti sul futuro: «Ci stiamo chiedendo qual è il criterio su cui verremo valutati – dicono i primari – e a quale obiettivo dobbiamo puntare». Un’ipotesi: nuove sinergie con l’Aso di Cuneo. «Gli incontri coi primari sono avvenuti in una chiave assolutamente costruttiva – commenta Costa –: sono gli interlocutori giusti da coinvolgere, perché sono loro a conoscere i punti di forza di questa struttura». Il sindaco Viglione: «I numeri sono dalla nostra parte. Ho visto nei primari un team con potenzialità enormi, loro sono la miglior risorsa di questo Ospedale. Esistono dei ragionamenti: non per difendere, perché non credo proprio esistano rischi di perdere qualcosa, ma per puntare più in alto».

santa lucia visite villanova

Al Santuario di Santa Lucia di Villanova M.vì continua il successo delle visite guidate

Domenica 7 luglio il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì sarà aperto al pubblico con visite guidate al pomeriggio (dalle ore 14.30 alle 17 con servizio navetta). La riapertura durante le prime domeniche...

Nel vivo la due giorni per Nini Rosso: stasera il Gomalan Brass Quintet

Si è aperta ieri sera, con buon riscontro di pubblico, la due giorni dedicata a Nini Rosso organizzata dal comune di San Michele Mondovì. Il concerto che ha inaugurato la serie di...

Mondovì invasa dalle auto d’epoca: arrivano le “Vecchie Signore” – LE FOTO

Comincia oggi, sabato 20 luglio “Mondovì e Motori”: un weekend fra auto d’epoca e Ferrari. Clicca qui per leggere tutto il programma LE IMMAGINI Leggi anche: https://www.unionemonregalese.it/2024/07/19/a-mondovi-levento-ferrari/
Diocesi di Mondovì architetto Luciano Marengo

Cambio della guardia all’Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Mondovì

Nella mattinata di sabato 20 luglio, presso la sala delle Lauree del palazzo vescovile di Mondovì Piazza, il vescovo Egidio ha conferito all'arch. Luciano Marengo, fino ad ora direttore dell'Ufficio Beni Culturali della Diocesi,...
Cinque Daspo "Willy"

“Aiuto, stanno entrando in casa mia”, ma all’arrivo dei Carabinieri non c’è nessun pericolo

Urla e schiamazzi in via Vico a Mondovì Piazza nella nottata appena trascorsa, quando uno dei residenti ha cominciato a gridare aiuto, dicendo che qualcuno stava provando a entrare nella sua casa. L’episodio si...
Mondovicino Shopping Peter Pan

A Mondovicino giochi e animazioni per i bimbi a tema Peter Pan

Tra i 1º e il 14 luglio Mondovicino Shopping Center & Retail Park propone il laboratorio “L’isola che non c’è” con giochi e animazioni a tema per i più piccoli. Presso piazza Roccia (ove...