Accordo di programma per rilanciare lo sci a Viola

Un progetto da 800 mila euro. La firma in Regione per la stazione di St. Gréé. 

Una sciovia a 1.800 metri di quota che potrebbe consentire una maggiore apertura durante la stagione invernale della stazione sciistica di Viola St. Gréé. Quello che pareva un progetto “sfumato”, ora diventa più concreto. La Regione Piemonte e il Comune di Viola firmano (in uscita di giornale) un accordo di programma per la riqualificazione del comprensorio sciistico di Viola St. Gréé, in attuazione della Linea di intervento per la “Riqualificazione e valorizzazione del patrimonio turistico, sportivo e culturale”. I firmatari: Giancarlo Rossi sindaco di Viola, che fu già tra i sottoscrittori dell’accordo del 2004 che sancì l’inizio della riapertura di St. Gréé, e l’assessore regionale Alberto Valmaggia.
Subito dopo la firma, si andrà a presentare il progetto di realizzazione alla Regione e partirà l’iter burocratico. La sciovia “Del Vallone” avrà una lunghezza di 680 metri e partirà da 1.800 metri di quota; considerando che l’attuale seggiovia a valle parte a 1.050 metri di altitudine.
«Questa realizzazione – spiega il sindaco di Viola Giancarlo Rossi – consentirà di tenere aperto maggiormente l’impianto; infatti se a valle non ci sarà neve, sarà possibile sciare a 1.800 metri. Il tratto della sciovia “Del Vallone” ripercorre il vecchio impianto di risalita e le vecchie piste che negli anni ’80 erano molto utilizzati e apprezzati dai turisti. Se non ci saranno intoppi, già nell’autunno di quest’anno potranno partire i lavori». Il progetto totale dell’impianto avrà un costo di 800 mila euro. In questi giorni la stazione sciistica di St. Gréé è aperta: in funzione di tapis roulant per principianti e bambini, la pista di pattinaggio e il bar-ristorante.