In arrivo 15 migranti a Margarita

Il gruppo sarà ospitato in due abitazioni di proprietà di privati cittadini

L’emergenza profughi che sta interessando non soltanto tutta l’Italia, ma l’Europa intera, arriva adesso anche a Margarita, dove è previsto a giorni l’arrivo di un gruppo di rifugiati. I ragazzi in questione, provenienti dalle ormai tristemente famose coste libiche, dovrebbero sistemarsi in paese forse già a partire dalla prossima settimana e sono stati inseriti in un progetto particolare, che vede anche la partecipazione di due privati cittadini proprietari di immobili a Margarita, di una Cooperativa sociale e di una Associazione. In sostanza l’ospitalità a Margarita avverrà in due case di proprietà di privati cittadini, una in frazione Trucchi e l’altra in via Divisione Cuneense, che attualmente sono oggetto di lavori per la messa a norma dei vari impianti. I due proprietari delle abitazioni hanno raggiunto l’accordo con la Cooperativa sociale Fiordaliso (che da anni opera nel settore in provincia) e con l’Associazione “Nigella” di Niella Tanaro, che affitteranno i locali destinati all’ospitalità. Per ora non ci sono state comunicazioni ufficiali dalla Prefettura di Cuneo all’Amministrazione comunale, ma sembrerebbe che il gruppo in arrivo sarà composto da circa una quindicina di profughi. «Come ormai in tantissimi paesi vicini – spiega il sindaco di Margarita Michele Alberti, contattato lunedì mattina – anche noi dobbiamo adesso confrontarci con la realtà dei rifugiati, che scappano dai Paesi di guerra. Abbiamo ricevuto comunicazione dai referenti delle Associazioni interessate dell’arrivo dei migranti, ma ad oggi non sappiamo quando essi arriveranno in paese. Come Amministrazione comunale il nostro compito sarà quello di controllare che i locali siano adatti ad ospitare i ragazzi e di effettuare, una volta che i profughi saranno presenti sul territorio, periodici controlli nelle abitazioni, per assicurarsi che il tutto proceda nel migliore dei modi, senza disagi per nessuno».