Ceva, l’area delle scuole sarà più sicura

Interessata piazza Libertà, davanti alle Scuole primarie e presso l’Istituto. Verrà realizzata una nuova rotatoria davanti alla caserma della Polstrada

A Ceva è giunto al termine del suo iter burocratico il progetto inserito sul Piano nazionale della sicurezza stradale, consistente nella sistemazione dell’area delle Scuole primarie cittadine. «La riqualificazione – spiega l’assessore alla Viabilità e vice sindaco di Ceva, Paolo Penna – riguarda uno dei punti di accesso più trafficati della Città, in quanto, quotidianamente permette di raggiungere il polo scolastico cebano su cui insistono le Scuole dell’infanzia, elementari e Istituto “G. Baruffi”, oltre alle caserme dei Vigili del fuoco, Polizia stradale, Corpo Aib, Forestale, nonché il Parco della Rotonda e i vari complessi sportivi tra cui palestre e società quali la Bocciofila, la Brenta e l’Istituto Derossi. Si tratta di un punto nevralgico anche per entrare comodamente in centro storico di Ceva con un parcheggio sempre affollato, di grandi dimensioni. Tutta questa zona, sarà interessata da tre interventi, il primo dei quali sarà l’istituzione di un’isola pedonale antistante la Scuola dell’infanzia, il secondo sarà la costruzione di un marciapiede che permetta il passaggio dei pedoni in sicurezza e il terzo intervento riguarderà la realizzazione, in prossimità di piazza Don Bado, di una grande rotatoria che, oltre a ridurre la velocità dei veicoli in transito, sia anche una maggiore protezione per i pedoni. Il progetto, che abbiamo presentato per essere finanziato, doveva avere criteri ben definiti in un contesto di miglioramenti in varie parti della Città, rivolti in particolare alla sicurezza».
Aggiunge ancora Paolo Penna: «Un primo lotto ha interessato la circolazione stradale sulla nazionale, al “Borgo Luna”, con la nuova rotatoria, nodo cruciale e importante, su cui confluiscono la Statale 28, la Provinciale 54 e via Andrea Doria. Ora, con il prosieguo dei lavori, si terminerà quello che l’Amministrazione aveva preventivato, cioè la messa in sicurezza di un’ulteriore altra vasta area rivolta in particolare all’uso di una fascia della popolazione più debole, i bambini che potranno quotidianamente muoversi in zona senza criticità, in particolare nel periodo scolastico. Questo progetto è stato ritenuto idoneo dalla Commissione di esperti, ed è stato inserito in graduatoria e finanziato con il massimo della cifra prevista, vale a dire il 50% dell’intero importo. I lavori, sono stati già appaltati e affidati per la loro esecuzione all’impresa “Giuggia Costruzioni” Srl di Villanova M.vì. Non appena saranno scaduti i termini dei cosiddetti “ricorsi” previsti dalla legge, inizieranno i cantieri e, tempo permettendo, potranno proseguire anche con lavori scaglionati in quanto non concatenati fra loro».
All’assessore Penna, abbiamo inoltre domandato, viste le numerose richieste che giungono da parte della popolazione, quali saranno gli interventi riguardanti la pulizia degli alvei del fiume Tanaro e del torrente Cevetta, ricoperti al momento da una lussureggiante vegetazione: «Abbiamo da tempo, era lo scorso anno, richiesto l’autorizzazione alla Regione per poter intervenire. Per scrupolo, visto l’avvicinarsi del periodo autunnale particolarmente piovoso, abbiamo nuovamente richiesto alla Regione di poter intervenire. Al momento siamo ancora in attesa di una risposta. La Regione, sostiene inoltre che gli arbusti che crescono nell’alveo del fiume sino a otto centimetri di diametro non creano problemi, anzi favoriscono il rallentamento delle acque durante le piene».