Giallo a Paroldo: 78enne rinvenuto morto, forse è omicidio. La moglie portata in caserma

Paroldo sotto shock per la misteriosa morte di Severino Viora, 78 anni. Era scomparso ieri sera. Gli inquirenti parlano di possibile delitto

Era scomparso da casa ieri sera ed è stato trovato morto in un campo fuori dal centro di Paroldo, a pochi km da Ceva. In circostanze che, per più di un motivo, possono essere definite "anomale". Si tratta di Severino Viora, 78 anni, pensionato agricolo (ed ex operaio in acciaieria), abitante in zona con la moglie. Il cadavere era a poche decine di metri dalla sua casa, una cascina abbastanza isolata in località Viora. E' stato il nipote a ritrovarlo, mercoledì mattina verso le 9,30.

Le domande sulla sua morte sono tante: gli inquirenti parlano di "circostanze anomale che lasciano aperta anche la pista dell'omicidio". la moglie, A.C., 59 anni, è stata prelevata e portata in caserma dai Carabinieri.



<p>Severino Viora</p>
<p>

Le ricerche sono scattate ieri sera. La moglie avrebbe riferito in un primo tempo di un allontanamento volontario, una vacanza. Una motivazione che ha sollevato ulteriori domande. Le squadre di soccorso si sono mobilitate per cercare Severino, assieme a tanti cittadini del paese: il 78enne conosciuto come persona buona, anche se riservata.

Non ci è voluto molto perché la tesi della scomparsa cominciasse a vacillare e a cedere. La mattina è arrivata la conferma: il corpo dell'uomo è stato rinvenuto poco lontano da casa, da un nipote. Anche le circostanze del ritrovamento sono anomale: il cadavere si trovava molto vicino all'abitazione (nonostante le ricerche della sera prima non lo avessero assolutamente notato), parzialmente coperto di terra e con a fianco una carriola rovesciata. Sul resto delle circostanze, gli inquirenti mantengono il riserbo più assoluto: ma esiste il dubbio che non si tratti di un suicidio, bensì di un omicidio.

Sul posto sono accorsi i Carabinieri di Ceva, Mondovì e Cuneo, con gli uomini del Reparto operativo e scientifico di Cuneo per i rilievi, il medico legale e Vigili del fuoco. Il magistrato incaricato del caso è il dottor Attilio Hoffman. Il corpo è stato portato via intorno alle 17, dopo il nulla osta da parte del pm: è stato trasportato in camera mortuaria a Mondovì, dove presumibilmente verrà sottoposto ad autopsia.

Infine, la moglie dell'uomo è stata scortata dai Carabinieri in caserma, per essere nuovamente interrogata.