Profughi a Lurisia: i “casi problematici” verranno allontanati

La coop specifica: «Non si tratta di un provvedimento preso a seguito della protesta, ma di una prassi».

«Non si tratta di un provvedimento preso a seguito della protesta, ma di una prassi che seguiamo in tutte le strutture nei casi in cui la misura si rende necessaria». A spiegarlo è la cooperativa “L’Isola di Ariel”, che allontanerà alcuni dei “casi problematici” anche dalla struttura di Lurisia. Nei giorni scorsi, alcuni dei circa settanta ragazzi ospitati nell’ex albergo “Everest” erano scesi in strada per manifestare contro la carenza dell’acqua.

Ma l’acqua non era che l’ultimo dei pretesti per manifestare: «Qui non possiamo stare», avevano ripetuto a lungo alcuni ragazzi. I problemi? L’isolamento e l’integrazione come un sogno quasi impossibile. Alcuni di quei ragazzi, nelle prossime settimane, verranno allontanati dalla struttura: «Non c’è nessuna relazione con quella protesta – spiega la presidente della coop torinese Silvana Perrone –, anche se abbiamo insegnato ai ragazzi che ci sono modi civili di manifestare e altri, come bloccare la provinciale, che non sono accettabili. Per noi, l’allontanamento da una struttura è uno strumento di prassi, utilizzato nei casi in cui si rende necessario». Cioè? «Quando i ragazzi rifiutano le nostre regole e i nostri programmi vengono più volte richiamati. Se rifiutano di andare a scuola, se vengono sorpresi nell’accattonaggio o se commettono violenza e non vogliono adeguarsi al regolamento, devono lasciare la struttura. Il loro percorso di riconoscimento dello status prosegue, ma perdono la protezione nei Centri d’Accoglienza straordinaria, che viene offerta dallo Stato. Alcune volte sono i ragazzi che scelgono volontariamente di andarsene, perché col tempo si sono creati magari una rete di rapporti d’amicizia o di conoscenze tali da poter scegliere un altro tipo di sistemazione». È il caso, tra gli altri, di alcuni profughi ospitati a Lurisia, che nelle prossime settimane lasceranno la struttura. 

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

NEVE – Aggiornamento sulle scuole: alcuni Comuni hanno scelto di chiudere

Domani, martedì 27 febbraio, ARPA Piemonte conferma allerta "gialla" per le nostre zone. Alcuni Comuni hanno scelto di chiudere le scuole: Pamparato: chiuse le Scuole Primarie e Secondarie di Serra Roburent: chiusa la Scuola dell'Infanzia Montaldo: chiusa...

Nevicata: intervento dei Vigili del fuoco ad Ormea per un pino in strada

Nel pomeriggio di oggi i volontari dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Ormea sono intervenuti per tagliare un grosso pino che incombeva pericolosamente sulla strada statale in località Isola Perosa. La pianta, infatti,...

Tir di traverso, code ai Rocchini sulla SS 28

Con la nevicata in Valle Tanaro sono arrivati anche gli inevitabili disagi. Sulla Statale 28 all'altezza dei Rocchini, un Tir di traverso ha causato code e rallentamenti sulla stratta. Sul posto, a Ceva, le...

AGGIORNAMENTO METEO – A Mondovì martedì scuole aperte: la conferma del Comune

AGGIORNAMENTO ORE 17,30: martedì 27 febbraio SCUOLE APERTE  a Mondovì. Lo ha confermato poco fa il sindaco e presidente della Provincia Luca Robaldo. AGGIORNAMENTO ORE 14 Emesso il bollettino di allerta meteo di ARPA Piemonto per...
libro cura dono volontariato

“La cura del dono”: un libro donato a sua volta per sostenere le Associazioni...

È in distribuzione nelle librerie e presso alcune Associazioni di volontariato di Mondovì, il libro “La cura del dono”, scritto dalla 4ª A del Liceo Classico di Mondovì, edito da “Gli Spigolatori” e illustrato...