Carlevè: si può cambiare qualcosa?

Un po’ a sorpresa, questa volta i ragazzi del progetto “#attiVì” hanno puntato gli occhi sul Carnevale.

Un po’ a sorpresa, questa volta i ragazzi del progetto “#attiVì” hanno puntato gli occhi addosso al Carlevè. Diciamo “a sorpresa” perché stiamo parlando di uno degli eventi più partecipati ma meno chiacchierati del panorama delle manifestazioni cittadine, visto da tutti come qualcosa di semplicemente… 100% monregalese. Ma il Carlevè, proprio perché coinvolge, a volte porta spunti. Ecco quelli che sono emersi, in ben tre settimane di lunghe discussioni, dalle teste dei ventenni coinvolti nel nostro progetto.

Le sfilate: sfruttare Parco Europa con un volo di mongolfiere.
La prima osservazione riguarda il percorso dei carri: la necessità di un percorso ad anello impone un percorso come quello attuale che, per metà tragitto (da piazza della Repubblica al ponte della Madonnina, lungo via Durando) attira meno pubblico. La proposta dei ragazzi: tornare a differenziare le sfilate tra Breo e Altipiano, spostando una delle due uscite in un anello tra Altipiano e Ferrone e facendo transitare i carri anche intorno a Parco Europa. E visto l’enorme successo riscosso (tanto per cambiare) dalle mongolfiere… perché non abbinare un gonfiaggio e un decollo?

La Bèla: un ruolo ambito.
La figura della Bèla Monregaleisa (quest’anno interpretata da Marzia Petrolini, semplicemente straordinaria nella parte) non è solo una maschera: assieme al Moro, è una vera ambasciatrice della città. Proposta: dal momento che il ruolo è realmente “ambito”, perché non farla scegliere alla città? Nulla a che vedere col vecchio “concorso di bellezza”, perché la Bèla non deve solo essere… bella, ma soprattutto deve essere adatta al ruolo (disponibilità di tempi, capacità di calarsi nella parte e di portare il “significato” del Carlevè ai bambini e agli anziani). Questo vorrebbe dire sacrificare la segretezza dell’annuncio… ma potrebbe consentire a qualche ragazza di tentare, senza restare una semplice spettatrice che legge un nome sui giornali.

Incentivare un carro monregalese.
Oggi il Carlevè monregalese è uno dei pochi, in Piemonte, che può vantare una decina di grandi carri alle sfilate. Non è un mistero per nessuno che, oggi, la maggior parte di questi carri sono strutture comprate o affittate. Da qualche anno la presenza dei carri è però esclusivamente “forestiera”: i gruppi e le associazioni monregalesi partecipano solamente con gruppi mascherati (l’ultimo carro fu del Ferrone, ormai diversi anni fa). Il motivo è economico: il costo per assemblare un carro, in regola con le norme, è troppo oneroso per una Proloco rionale. La proposta: incentivare i gruppi monregalesi a mettersi assieme per un unico carro, con le centinaia di sfilanti di ogni età che la nostra città ogni anno porta in strada. Un Carlevè ‘d Mondovì… “più ‘d Mondovì”.

Cos’è il progetto #attiVì
Uno spazio che “L’Unione” riserva alle idee dei 20enni monregalesi. Un gruppo di ragazze e ragazzi è al lavoro: le loro idee, proposte, lamentele, allarmi o suggerimenti diventeranno spunti per la nostra rubrica. A ogni puntata, un tema – fino alle prossime elezioni comunali. Loro ci mettono la voce, vediamo se i candidati ci mettono le orecchie.

RI-FONDAZIONI: Raviola in SP, Gola in CRC e Robaldo punta al “tris”

Le ruote hanno girato in meno di 24 ore. «Mi lascio alle spalle otto anni di impegno in CRC e si apre una nuova sfida in Compagnia San Paolo». Lunedì 15 aprile Ezio Raviola...

Tre arresti per la banda del camper (a noleggio) dopo cinque furti nei negozi

Come anticipato, nella notte tra il 12 e 13 aprile, diversi esercizi pubblici di Ceva, Bastia Mondovì e Carrù erano stati “visitati” dai ladri, che si erano impossessati di alcuni telefoni cellulari e del...

È di Torre una delle “dieci donne che salvano la terra” per Slow Food...

Lunedì mattina a Torino, in occasione della Giornata mondiale della terra” si è tenuta la conferenza stampa dell’evento “10 donne che salvano la terra”, una delle iniziative organizzate da Slow Food Italia in vista...

Ernesto Billò con “La Resistenza dei giovanissimi” inaugura il 25 aprile a Carrù

Sarà la deputata cuneese e vicepresidente nazionale del Partito Democratico Chiara Gribaudo a tenere quest’anno l’orazione ufficiale a Carrù nell’ambito delle celebrazioni del 25 aprile. Invitata dalla sezione locale dell’Anpi e dal Comune, la...

Medico di base a Farigliano: la dott.ssa Apostolo prende servizio il 13 maggio

Dal 13 maggio prossimo la dottoressa Romina Apostolo si inserirà in qualità di medico nel ruolo unico di Assistenza Primaria a ciclo di scelta (Medico di Medicina di Medicina Generale) attualmente autolimitata a mille...
gruppo figli genitori separati

Gruppo di ascolto e confronto dedicato ai figli dei genitori separati

Diamo voce ai nostri figli! A Mondovì un Gruppo di ascolto e confronto dedicato ai figli dei genitori separati Lo studio “La Giraffa - Professionisti per la gestione del conflitto”, nell’ambito delle iniziative avviate, propone...