Il mulino con le ruote e altri sogni: quando il futuro è disegnato sulla ceramica

L’avvenire nelle ceramiche del passato: "Il futuro sui piatti", una mostra al Museo di Mondovì.

Siamo abituati a vedere immagini avveniristiche al cinema, nei fumetti e nelle illustrazioni dei libri di fantascienza, eppure esistono numerosissime altre varianti di manufatti che anticipano la visione della vita futura, come accade ora al museo della ceramica con i piatti e gli oggetti della collezione di Piero Gondolo della Riva sulla vita futura. Dalla fantasia dell’illustratore i disegni passano nelle mani del ceramista abile a trasferirli sui piatti decorati con la tecnica del transfer print, l’allestimento è inserito proprio nelle sale normalmente dedicate a questo tipo di lavorazione.

Non solo ceramiche, ma anche stampe e volumi per un’esposizione che conta un totale di 95 pezzi, veri e propri cimeli che illustrano l’idea del futuro così come la si prospettava nell’ottocento, partendo dalla narrativa di Jules Verne con una serie di piatti legati ai suoi romanzi, vero motore di ispirazione per l’epoca, che influenzerà infinità di autori e disegnatori; il percorso prosegue toccando numerosi altri campi, dalla visionarietà tecnica alle tematiche sociali, creando un affresco coinvolgente sui secoli a cavallo del nuovo millennio.

Molti i pezzi dedicati ai mezzi di locomozione, dall’evoluzione del velocipede all’espandersi dell’utilizzo dell’automobile, vissuto come mezzo pioneristico e dai non ancora chiari possibili sviluppo di utilizzo, proseguendo coi servizi raffiguranti viaggi sulla luna ,i rischi dell’aviazione e le guerre future si illustrano anche i timori e gli interrogativi che le nuove scoperte portano, riflettendo sulle possibili conseguenze a cui l’uomo non è ancora pronto, e dove viene incontro la serie rappresentante l’esposizione di Chicago che aiuta la gente alla giusta comprensione di questa nuova modernità.

Una credibile visione sulla società del futuro si propone con le serie di piatti dedicati al socialismo utopistico e al femminismo, dove il primo illustra in chiave ironica i difetti e i problemi della vita moderna, mentre la seconda mostra un credibile ribaltamento dei ruoli, in cui l’uomo si prende cura dei figli mentre la donna diviene soldato, un immagine paradossale per l’epoca, ma che la dice lunga sul desiderio di emancipazione che era già vivo nell’allora.
E’ un percorso coinvolgente e che apre a molteplici spunti di riflessione: riguardo ai sogni, alle aspettative, alle speranze e alle preoccupazioni dell’uomo del tempo passato, molte dimostratesi veritiere nel bene e nel male ,e laddove non si sono confermate risultano essere comunque credibili e si rivelano indubbiamente affascinanti, regalando altri scenari possibili scenari di ciò che sarebbe potuto essere.

LA MOSTRA RIMARRÀ APERTA FINO A DOMENICA 29 MAGGIO
PRESSO IL MUSEO DELLA CERAMICA DI MONDOVÌ
CON ORARIO 15-18 VENERDÌ E SABATO , 10-18 DOMENICA E FESTIVI

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

San Michele: rinvio per la corsa Just the woman i am

La corsa solidale "Just the woman i am" prevista per questo weekend a San Michele è stata rinviata al 10 marzo a causa del maltempo. La ricerca universitaria sul cancro si promuove anche attraverso lo...

Dopo la neve la pioggia sulle nostre piste da sci

La settimana era iniziata alla grande, con una fitta nevicata che aveva portato oltre un metro di neve sulle nostre montagne. Una boccata d'ossigeno che ha permesso a tutte le nostre stazioni sciistiche di...

Attenzione alle truffe: cercano di introdursi nelle case, a Morozzo e Margarita

Allarme tra Margarita e Morozzo. In queste ore, i cittadini stanno segnalando la presenza di un'auto stationwagon di colore scuro, con a bordo due persone, che tentano di introdursi nelle abitazioni con la scusa...

Avis Dogliani: Mario Reviglio premiato per le 75 donazioni di sangue

Domenica 25 febbraio, la sala polifunzionale di via Chabat ha ospitato la 59ª assemblea annuale dei donatori di sangue dell’Avis di Dogliani. La mattinata si è aperta con le relazioni del presidente Roberto Gabetti...