Il lungo weekend del villaggio glocal: arte e media al Festival di Dogliani

Il Festival dei Media a Dogliani presenta anche alcune interessanti esposizioni d'arte.

Come molti monregalesi, ho visitato il Festival della TV e dei Nuovo Media di Dogliani col consueto interesse - e un pizzico d’invidia. La capitale del dolcetto diventa per un lungo weekend la capitale dei media, in particolare della tivvu, la cui iconica sagoma arancione, il logo dell’evento, campeggia in ogni dove. A volte incornicia anche sapide citazioni, che dovrebbero sottolineare come il festival non sia celebrativo: “La TV dà la cultura a chi non ce l’ha e la toglie a chi non ce l’ha”, ci ammonisce ad esempio, tra gli altri, Umberto Eco.

Gli incontri sono molti: un’occasione preziosa, fin troppo affollata, si vorrebbe seguire tutto e non si può. Ma si finisce per vedere comunque qualcosa di interessante, oscillando tra le due piazze tematiche a breve distanza l’una dall’altra.

Una sintesi dei vari incontri si trova qui; una versione ironica invece ve la forniamo qui noi di Culture Club, con Paolo Roggero. In questo articolo invece a me interessava sottolineare un aspetto interessante del Festival, a volte un po’ offuscato dalla ricchezza di offerta informativa. Gli appuntamenti espositivi erano tre: bello ma un po’ criptico, fin dal titolo, “No comment”, installazione che riuniva gli sguardi di tutti gli ospiti del festival, dipinti in quadretti appesi alle pareti, attorno a una sfera metallica posta al centro della sala. Molto interessante, invece, la mostra di Gianni del Bue curata da Francesco Poli (per tutte le informazioni rimandiamo al sito dell’autore, qui: https://www.delbue.com/ ), “Dialoghi liquidi”, con un omaggio nel titolo a Zygmunt Bauman, teorico della società liquida scomparso quest’anno, e ai “dialoghi tra filosofi” raffigurati dal pittore nei suoi dipinti sottilmente metafisici, e che davvero richiamano i moderni “dialoghi filosofici” del festival doglianese.

La mostra più complessa è però “Ogni 100 metri il mondo cambia”, curata da Marco Albeltaro e legata al tema del festival di quest’anno, le frontiere. La citazione di  Roberto Bolaño introduce un dialogo a quattro tra gli artisti coinvolti.

Laura Canali, artista ed esperta cartografa geopolitica, realizza opere che integrano rimandi cartografici con altri elementi artistici: in Totem la carta del mondo è decorata con amuleti sardi (riflessione sul valore totemico della carta), in Zattera un planisfero “spezzato” fatto di specchi appoggia su una zattera che fa pensare a quella famosa della Medusa, di Gericault.

Anche Riccardo Gusmaroli opera una riflessione artistica sulla forma dell’Italia, raffigurata tramite una serie di perforazioni nere su una tela coloro oro ottenuta da una coperta termica, del tipo usata nei salvataggi dei profughi (su cui ragiona anche l’altra opera in mostra, “Lampedusa”).

Pablo Mesa Capella, scenografo e regista, crea invece una sequenza, “Deus ex Machina”, composta di tre riquadri che mostrano una croce e una mezzaluna sorgere gradualmente prima dalla sabbia e dal sale, poi dall’acqua, e infine ergersi da un cespuglio di papiri (l’elemento vegetale come vita, ma anche il papiro come materiale scrittorio).

Infine Gigi Piana, artista visivo e performer, realizza planisferi immaginari tramite semisfere sospese che, specchiandosi, diventano sfere complete a un livello illusorio, anche qui riflettendo sui temi della città e della violenza (notevole lo skyline formato da bossoli di proiettile, qui sotto).

Insomma, anche sul profilo artistico il Festival di Dogliani si rivela in grado di offrire qualche spunto interessante, in quella dinamica “glocal” che lo caratterizza: il globale che interagisce col locale.

Funamboli: dopo Facchetti e Veltroni, anche Debora Sattamino fra i protagonisti

Tre appuntamenti per la terza settimana di maggio. Inizia così, con un tris di imperdibili incontri, l’edizione 2024 del Festival Funamboli – Parole in equilibrio, organizzato dall’associazione culturale Gli Spigolatori. La tematica di quest’anno,...

ARPA Piemonte: allerta “gialla” da lunedì pomeriggio a martedì mattina

Allerta GIALLA per temporali e precipitazioni intense. Tra lunedì pomeriggio e martedì mattina si svilupperanno temporali sul settore appenninico che in seguito trasleranno verso nord, accompagnati da valori di precipitazione puntualmente forti, con sostenute...

Dogliani: mostra fotografica “Impossible Langhe”, nella cappella del Sacra Famiglia

La Fondazione Radical Design, voluta da Sandra e Charley Vezza con l’intento di promuovere la creatività delle Langhe nelle sue molteplici forme, presenta al Festival della Tv di Dogliani, la Mostra fotografica di Maurizio Beucci,...

A Mondovì da domani arriva “Funamboli” con Facchetti. Boom di prenotazioni per l’incontro con...

Si comincia con l’arte e col teatro, si finisce coi reportage di guerra. Passando attraverso ogni sfumatura dello scrivere, e dunque del pensiero: la narrativa e la politica, le rubriche e le tradizioni, la...

Premi di Fedeltà al lavoro e Sussidi di studio 2024 – I MONREGALESI PREMIATI

Festa è stata la parola chiave della consegna dei Premi di Fedeltà al lavoro e dei Sussidi di studio della Cassa Edile di Cuneo svoltasi ieri sera – venerdì 17 maggio 2024, ndr –...
Luna Park Ceva 2024

A Ceva arriva il Luna Park

Arriva a Ceva, da venerdì 17 maggio il grande Luna Park in piazza Vittorio Veneto, con ben trenta attrazioni, tutte da provare e su cui divertirsi ed emozionarsi! Due le novità spettacolari di quest’anno:...