Profughi a Villanova: il Comune pensa a un incontro coi cittadini

A porte "semiaperte": non un'assemblea pubblica ma un faccia a faccia con un gruppo ristretto di cittadini.

n incontro sui profughi a porte “semiaperte”. È questa la proposta dell’Amministrazione comunale, che, alla luce delle richieste emerse dai villanovesi ed in particolare dal “popolo di Facebook” avrebbe pensato di organizzare sì un incontro sul tema dei profughi, ma non un vero e proprio confronto pubblico. Insomma, l’idea sarebbe quella di dar vita ad un’assemblea con un gruppo ristretto di cittadini, provenienti un po’ da tutte le frazioni, che potrebbero farsi portavoce sia delle preoccupazioni della cittadinanza, sia delle informazioni dell’Amministrazione. L’obiettivo? «Discutere – spiega il sindaco Turco – dell’arrivo dei 17 migranti senza creare troppa confusione e consentendo il confronto». Se ne discuterà nella Giunta di giovedì.