Un fumetto in biblioteca: l’arte di Lorenzo Mattotti

Mattotti e Kramsky vincono il Gran Guinigi con "Ghirlanda", un potente romanzo grafico. Un'occasione per esplorare l'arte di uno dei più interessanti fumettisti italiani...

Lorenzo Mattotti con Jerry Kramsky hanno vinto il premio per il miglior graphic novel - un termine che amo poco, preferendovi semplicemente "romanzo a fumetti" - al Gran Guinigi, il premio collegato a Lucca Comics, la più grande manifestazione fumettistica italiana (e una delle più grandi al mondo). La vittoria è giunta con "Ghirlanda", una storia complessa e intensa (vedi qui). In un bizzarro mondo fiabesco, il protagonista - un Ghir, essere fantastico - deve compiere un lungo viaggio dal sapore iniziatico incontrando varie creature altrettanto surreali in una serie di confronti che hanno un sapore vagamente iniziatico. Il tutto mediato tramite l'eleganza di un segno in bianco e nero giocato su una linea chiara sottilissima e precisa, in tavole che sono una vera festa per gli occhi per l'appassionato di fumetto. 

L'occasione può essere ottima per scoprire - o ri-scoprire - questo autore, di cui la biblioteca di Mondovì possiede una ottima selezione di opere: "Stigmate" (1999), su un uomo che si trova segnato dal miracoloso segno senza desiderarlo; il magistrale "Jekyll e Hyde" (2002) con una delle più potenti riletture del mito creato da Stevenson mai realizzate; "Il rumore della brina" (2003), una disperata e sofferta storia d'amore (vedi qui); "Lettere da un mondo lontano" (2007), quattro intensi e misteriosi racconti, e appunto quest'ultimo "Ghirlanda", di quest'anno, che costituisce un'opera di particolare forza anche in un percorso "alto" come quello di Mattotti stesso.

Un buon punto di partenza per la scoperta di Mattotti, classe 1954, e fondatore di una delle principali avanguardie del fumetto italiano, il gruppo "Valvoline" fondato assieme a Igort, Brolli, Carpinteri nel 1983, a Bologna, e legato inizialmente alle pagine di "Alter Alter", il supplemento di Linus, storica rivista del fumetto autoriale italiano fondata nel 1965, una generazione prima, da Oreste Del Buono (con interventi di Vittorini ed Eco). Ma al di là di questi minimi accenni di contesto storico fumettistico, il consiglio è davvero di immergersi nella bellezza del disegno dell'autore, che su testi solitamente scarni ed essenziali sa intessere affascinanti seduzioni, sia in bianco e nero, sia col colore.

mondovì times square new york

LE BELLEZZE DI MONDOVÌ SUI MEGASCHERMI DI TIMES SQUARE A NEW YORK

L'Unione Monregalese ha fatto proiettare le bellezze di Mondovì in Times Square a New York: grazie a Pixel Star di TSX Ieri, mercoledì 21 febbraio, sui megaschermi di Times Square a News York, alle 17,15...

Il sindaco di Dogliani: «Dicono che non mi ricandido? Nessuno può parlare per me»

In vista delle prossime elezioni comunali, si “accende” il clima a Dogliani. Il sindaco Ugo Arnulfo, venuto a conoscenza di alcune voci che starebbero circolando sul suo conto in paese, interviene per fare chiarezza:...

Politecnico, ieri il rettore nella sede di Mondovì – L’INTERVENTO IN CONSIGLIO

Al pomeriggio la visita nella sede universitaria monregalese, la sera la relazione in Consiglio. «Una sede notevole - commenta il rettore, prof. Corgnati -, su cui sicuramente ha senso investire». Qui il video dell'intervento in...

Vicoforte: addio all’ex maestra Annina Strocco

A Vicoforte sono in tanti a ricordarla con affetto, a sentire un debito di riconoscenza nei suoi confronti. Annina Strocco, detta anche Nina, è stata una delle storiche maestre del paese: aveva insegnato a...

Due anni di guerra: dagli ucraini un grazie agli amici di Ceva

Sono passati due anni dall’inizio della guerra in Ucraina, e anche Ceva all’epoca si adoperò fattivamente per l’accoglienza e per agevolare le pratiche per far giungere in città parenti e amici in fuga dai...