Alberghiero, trovata la sistemazione per gli studenti: 18 classi su 20 resteranno a Piazza

A partire da lunedì 8 gennaio, 9 classi verranno trasferite nell'ex scuola Primaria di piazza D'Armi, 4 classi nelle ex scuole Medie "Gallo", 5 classi nel "Baruffi". Le 2 classi rimanenti andranno ai Passionisti.

Summit questa mattina in municipio fra Comune, Istituto Alberghiero, Provincia e Grandabus, per trovare una sistemazione alle 20 classi dell'Alberghiero rimaste "fuori sede" dopo il crollo della frana di venerdì scorso.

La soluzione raggiunta: gli studenti restano tutti a Piazza. A partire da lunedì 8 gennaio, 9 classi verranno trasferite nell'ex scuola Primaria di piazza D'Armi, 4 classi nelle ex scuole Medie "Gallo", 5 classi nel "Baruffi". Le 2 classi rimanenti andranno ai Passionisti, dove già fanno lezione 5 classi dell'istituto.

Valutazioni in corso per quanto riguarda la struttura dell'Alberghiero nella sua parte più vecchia: il Comune sta attendendo una relazione tecnica, per capire se si potranno utilizzare le cucine per le lezioni pratiche. Diversi privati si sono fatti avanti per mettere a disposizione le loro strutture.

Al tavolo, il Comune col sindaco Paolo Adriano e l'assessore all'Istruzione Luca Robaldo, l'Alberghiero con la dirigente Donatella Garello e il rappresentante dei genitori e presidente del Consiglio di Istituto, e la Provincia di Cuneo col consigliere Milva Rinaudo con delega alle Scuole, il consigliere Marco Perosino e il delegato Rocco Pulitanò. Il sindaco: «Abbiamo valutato tutte le soluzioni possibili e scelto secondo il criterio della massima sicurezza per i ragazzi».

Il presidente del Consiglio di istituto: «Una soluzione soddisfacente per il periodo immediato. Dobbiamo far sapere alle famiglie e agli studenti che le lezioni sono garantite con la massima sicurezza. Soprattutto ora che siamo in periodo di iscrizioni, l'Alberghiero è un'eccellenza di questa città». La dirigente Donatello Garello: «Dovremo rimodulare alcuni orari in questa situazione di emergenza. Spero che questa sia l'occasione per aprire una riflessione sul futuro delle scuole a Mondovì».

Viabilità
I bus scolastici, per ora, fermeranno tutti in piazza D'Armi.
Nessuna ipotesi di tempistiche, per il momento, per la riapertura di via Tortora al traffico normale di auto e bus. Al momento, non verrà aperto nemmeno un passaggio pedonale (ma la speranza è di farlo nelle prossime settimane, se vi saranno le condizioni di sicurezza): gli studenti che devono raggiungere il "Baruffi" dovranno farlo passando da via Delle Scuole e poi sul vialetto a fianco della funicolare. Le auto dei genitori potranno quindi arrivare in piazza IV Novembre passando da piazza Maggiore (che però è a senso unico a scendere) e via Carassone, da via Marchese d'Ormea o dalla strada per Carassone.