Un’indagine tra erotismo e ghost story, ecco la Napoli velata di Ozpetek

Thriller, razionalità e  mistero tra i vicoli e i salotti buoni della città Partenopea, in una vicenda dai forti connotati psicologici.

L'ARTICOLO POTREBBE CONTENERE SPOILER

TRAMA

Adriana, di professione medico legale, viene sedotta da Andrea più giovane di lei di diversi anni. Dopo una lunga notte di passione i due si ripromettono di rivedersi l’indomani, ma Andrea non si presenta all’appuntamento gettando Adriana nello sconforto. La mattina seguente Adriana si trova ad effettuare l’autopsia di un cadavere, si accorge che il corpo è quello di Andrea. I giorni seguenti sono molto duri per lei, coinvolta nelle indagini e sconvolta per la perdita, inizia a vedere il volto di Andrea dappertutto.

https://www.youtube.com/watch?v=Rm3rno_b8gg

Quello che ci vuole offrire Ozpetek è un affresco stereotipato e autoreferenziale del capoluogo campano, tipologia di personaggi e luoghi sono infatti quelli che si possono facilmente associare alla città partenopea. Troviamo quindi la medium palesemente falsa che però ci azzecca, la tombola, e il significato cabalistico dei numeri, il tutto in una Napoli aristocratica e benestante, lontana dai problemi comuni, razionale e disincantata, scettica ma attratta dal paranormale. Il regista di origine turca ma italiano d’adozione, si muove all’interno delle sue atmosfere, giocando con la componente di mistero che avvolge la città attraverso i suoi costumi, avvalendosi di una forte componente erotica e sfuggenti riferimenti ad altri precedenti lavori.

Il velo che copre il volto di Cristo, in una delle tante opere d’arte mostrate nel film, riconduce al titolo e alla sua funzione all’interno della pellicola, il termine velata può essere libero per differenti interpretazioni in base ai diversi piani di lettura della trama. Infatti l’indagine degli avvenimenti delittuosi presenti nella vicenda, porta ad una storia di traffico di opere d’arte che deve rimanere nascosto, appunto come coperto da un velo; lo stesso può rappresentare la velatura nello sguardo sofferente della protagonista, e nella sua stravolta capacità percettiva. Una donna che non riesce ad elaborare la perdita, e nonostante sia in possesso di un’intelligenza che la pone distante dalla superstizione, si lascia trascinare in essa, in una forma di composta disperazione.

Il velo invisibile che nasconde il fantasma di Andrea nella fantasia di Adriana, è lo stesso che lei utilizza per coprire e dimenticare il suo passato, eventi traumatici, celati forzatamente che divengono a un certo punto troppo ingombranti, impedendo alla protagonista una conduzione lucida della propria vita, trovando in Andrea una proiezione distorta di essa. Sarà necessario che qualcuno discosti un poco questo velo perché Adriana riesca a vedere nitidamente il proprio passato occultato, e in questo la sequenza delle scale ellittiche non può che evocare l’ipnosi e il lavoro della psicoanalisi, metodo che può permettergli di distaccarsi dai suoi fantasmi.

Scopri anche

Clavesana, maestra aggredita in paese da una mamma di un ex alunno

È stata avvicinata e aggredita all'uscita di un negozio, a Clavesana. La vittima è una maestra, che insegna alle Elementari del paese. Sarebbe stata individuata e poi insultata da una signora, mamma di un...

Villanova. Michele Pianetta ufficializza la candidatura a sindaco

Michele Pianetta, attuale vicesindaco di Villanova, ha ufficializzato la propria candidatura a sindaco in vista delle prossime elezioni comunali. Al momento attuale, dunque, si profila una sfida a due, con lo sfidante...

Sant’Albano: gli Alpini ricordano la ritirata di Russia, 80 anni dopo la tragedia

Da venerdì 3 a domenica 5 febbraio, Sant’Albano ha ospitato una tre giorni interamente dedicata alla ritirata di Russia, ad 80 anni esatti di distanza dalla tragedia che interessò da vicino moltissimi giovani e...

Prof. del Liceo di Mondovì pubblica una biografia di Guccini… dal “punto di vista”...

Una biografia in prosa che però nasce dalle strofe. «C’è chi sostiene che un artista non possa raccontare sé stesso coi versi. Io invece credo di sì e, partendo dalle canzoni che Guccini ha...

Ceva: si presenta il progetto del “Museo del fungo”

E' in corso, presso il Municipio di Ceva, la conferenza stampa di presentazione del futuro "Museo del Fungo". Un sogno che si appresta a diventare realtà. Ad illustrare il progetto e le fasi che...

Mondovì, ecco i cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico

Da ieri, lunedì 30 gennaio, sono stati piazzati a Mondovì i primi cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico. Il Comune spiega: «La città di Mondovì, insieme ad altri 76 Comuni del Piemonte, deve...