L’arte di “mogg in Stazione”, un labirinto di idee

Inaugurata lo scorso giovedì 11 gennaio 2018 la mostra artistica di mogg, la prima negli spazi della Stazione di Mondovì.

“mogg”, rigorosamente con la minuscola, è l’acrostico che rimescola le iniziali di due giovani autori del cuneese che sono confluiti in questa particolare unità artistica: Michelangelo Giaccone e Giulia Otta. La loro recente mostra monregalese (un deciso successo di pubblico, a giudicare dalla folla dell’inaugurazione) sfrutta per la prima volta alcune sale della stazione ferroviaria di Mondovì a scopo espositivo.

Il primo elemento che colpisce il visitatore è la sala con esposti dei cartelloni dedicati alle lettere dell’alfabeto, simili a quelli in uso nelle scuole elementari: per ognuno di questi c’è una parola che inizia con quella data lettera e una illustrazione. Solo che, semplicemente, parola e immagine non corrispondono. “A come Acconciatura”, ad esempio, corrisponde all’immagine di una nuvola; “B come Bosco” è rappresentato da un segmento di tubo, e così via. Il tutto produce un vago straniamento surreale, che costringue a guardare con occhi diversi le altre sezioni della mostra. Sia le parole, sia le immagini incongruenti corrispondono difatti a temi ricorrenti nelle opere dei mogg: tuttavia l’associazione è di tipo libero, e lasciata aperta al lettore: sarebbe quindi inutile darvi una chiave di lettura che, tra l’altro, risulterebbe una sorta di spoiler (si può parlare di spoiler per una mostra? In questo caso, forse, sì).

Segue una sala con una serie di piccoli ritratti che ci introducono i personaggi ricorrenti delle opere che ritroveremo nelle due sale successive, ciascuna di un differente formato: una a lunghissimo sviluppo verticale, con tanto di scaletta per esaminare i dettagli più in alto; una circolare, dedicata in particolare alle damine del Settecento; una a sviluppo orizzontale, e una tridimensionale, un piccolo teatrino. Opere complesse, stratificate e potenzialmente ampliabili di continuo (l’opera verticale è stato realizzata nel corso di un anno, e potrebbe proseguire ad infinitum), dove troviamo personaggi e oggetti che abbiamo trovato nelle due sale precedenti, a stabilire complesse e surreali relazioni tra loro.

Si aggiunga anche il fregio, puramente testuale, che percorre tutti gli spazi interessati alla mostra, rielaborando ancora una volta le mogg keywords in un testo invece che in un’immagine, con un procedimento per il resto identico. Non manca nemmeno una sala dedicata alla proiezione di un video, dove i mogg ritagliano ripetitivamente i pesci di carta che ricoprono il pavimento della sala: il pesce stilizzato del resto è un altro archetipo mogghiano. Insomma, lo spettatore non può fare a meno di perdersi in questo intrico fittissimo di immagini sia rimanendo affascinato dalla pura, semplice potenza visiva dell’affabulazione visiva, sia cercando una chiave di lettura che fornisca una impossibile uscita dal labirinto.

 

La mostra rimarrà aperta fino al 18 marzo, presso la Stazione di Mondovì, il venerdì (18-22), il sabato (10-13, 15-21) e domenica (10-13, 15-19) e vale davvero una visita.

Chirurgia Laser Difetto Visivo

Chirurgia laser per correggere il tuo difetto visivo: scopri se sei idoneo

Miopia, astigmatismo, ipermetropia, presbiopia - Non lasciare che la paura di togliere gli occhiali ti impedisca di fare le cose che ti piacciono: vieni l’8 e 19 aprile al Centro Abax di Cuneo per...

Che soddisfazione: la “Mon.Vì. Lpm Bam” è campione territoriale Under 13

Un successo meritato sul campo, frutto del grande lavoro svolto in palestra durante l’intera stagione sportiva. Prime nella fase di Eccellenza, le giovani atlete della “Mon.Vì Lpm Bam Rossa” hanno ottenuto il primato anche...

Mauro Gola lascia la Camera di Commercio per la Fondazione CRC

È uno degli ultimi tasselli che stanno andando a piazzarsi tutti in questi giorni. Oggi, lunedì 15 aprile, Mauro Gola ha lasciato la presidenza della Camera di Commercio. Si è dimesso questa mattina. Gola,...

Ancora ladri al bar “Cit ma bel” di Bastia: due furti in una settimana

Nuovo increscioso episodio, al bar "Cit ma bel" di Bastia, vittima di due furti con scasso in una sola settimana. Dopo l'incursione di ignoti avvenuta nella notte tra giovedì 4 e venerdì 5 aprile,...
Nord Sud Castello Cigliè

Nord vs Sud: la disfida dei vini “Al Castello” di Cigliè

Venerdì scorso si è svolto il secondo appuntamento delle “4 sere Al Castello” di Ciglié, con l’intero ristorante dedicato all’evento “Bolle al buio - Sicuri di essere grandi intenditori di bollicine?”, in cui vini...