Dogman o “Del Mondo dei Vinti” secondo Garrone

 Il film di Matteo Garrone, nei cinema, fa il pieno e si aggiudica un premio a Cannes. Considerazioni e annotazioni a margine di un film che guarda alla società dei "nuovi" Vinti. ATTENZIONE AGLI SPOILER

Esiste un mondo in cui i vinti possono affrancarsi dall'ineluttabilità del proprio destino e risorgere? Se qualcuno risponde affermativamente alla domanda probabilmente non è uscito dalla visione di Dogman, l'ultimo film di Matteo Garrone, presentato al Festival di Cannes dove ha riscosso dieci minuti di applausi alla prima proiezione e dove l' attore protagonista, Marcello Fonte, ha ottenuto il "Prix d'interprétation masculine"; un film che racconta una storia di violenza e prevaricazione.



<p>Sulla Croisette alla presentazione di Dogman, Matteo Garrone e Marcello Fonte (in posizione centrale)</p><div  class=

">

A più riprese e da più punti di vista stiamo assistendo ad un lento sgretolarsi dei valori fondanti della nostra società, basati sul'Illuminismo; intelaiatura di questo sistema di valori era che attraverso il libero arbitrio l'umanità aveva la possibilità di "redimersi" e di trovare una forma di riscossa. Il film di Garrone incarna al contrario i tempi in cui viviamo, e lo fa non tanto per seguire una moda, ma - un po' come già avvenuto in precedenti suoi film, dall'Imbalsamatore a Reality - attraverso uno sguardo sul mondo che è ben più edulcorato di quanto la realtà stessa a volte possa riportare.

In questa sorta di "western" dove la frontiera è quella di una periferia abbandonata non c'è happy ending e non c'è redenzione, si è mediocri, si è poveri, si spaccia, si subisce violenza, ma non si cambia, anzi si peggiora. La bellezza del film sta nell'emozione che questa discesa agli inferi porta con sè; si parteggia per buona parte del film per il protagonista, vessato - con la forza - da un antagonista apparentemente peggiore di lui, ma il finale rivela una natura inaspettata: l'oppresso non vuole una vita migliore, cerca solo un modo per fuggire ad un infausto destino, con qualsiasi mezzo possibile. E nel suo errore troverà ciò a cui è destinato chi è vinto, la solitudine. Non c'è un buono in questa storia, tutti sono toccati da un mesto assoggettamento alla viltà ed ai soprusi e tutti, chi più e chi meno, sono disposti a scendere a compromessi.

In una provincia romana che assomiglia molto di più alla Casal di Principe di Gomorra che non alla "vecchia" Magliana (in cui si svolsero realmente gli atti del Canaro), Garrone rappresenta una storia di struggente dolore che è violenta non solo per le immagini mostrate, ma per ciò che non si vede e che si avverte, il senso di abbandono a cui i vinti vengono lasciati e da cui difficilmente, se manca un aiuto esterno, si riesce ad uscire.

Il trailer del film distribuito nelle sale

https://www.youtube.com/watch?v=eum93mpzpE0

Santa Lucia Villanova Mondovì

Il Santuario di Santa Lucia a Villanova Mondovì riapre i battenti

Il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì si staglia dal XVI secolo sul versante del Monte Calvario (o Momburgo) dominando la Valle Ellero ed è erede di un’antica devozione popolare, ancora oggi viva...

Ritrovato a Sale San Giovanni il 27enne scomparso da Torino

Si sono concluse le operazioni di ricerca nei boschi di Sale San Giovanni, scattate dall'ora di pranzo, a seguito dell'avvistamento di un 27enne allontanatosi il 30 maggio scorso dalla struttura presso cui era ricoverato...

Bye bye Barocco, a Mondovì a luglio arriva Andy Warhol

Addio Barocco, welcome Pop Art. Ladies and gentlemen, a Mondovì dopo il Caravaggio arriva Andy Warhol: l’ex chiesa di Santo Stefano si prepara a staccare i quadri dei maestri della luce e ad ospitare...

Addio al tenente Diego Bonavera: fu carabiniere a Frabosa e Mondovì

L’Arma dei Carabinieri piange la scomparsa del tenente Diego Bonavera. È scomparso questa mattina all’ospedale “Policlinico di Monza” di Alessandria, a seguito di una malore. Aveva solo 45 anni ed era conosciuto e apprezzato...
rifugio serre di oncino

Al Rifugio Serre di Oncino la “cucina piemontese delle origini”

Abbiamo intervistato Riccardo Ferraris, gestore del Rifugio Serre di Oncino, in valle Po, inaugurato da pochi giorni. Con la famiglia gestisce anche il ristorante “La Raviola Galante” a Scurzolengo (AT), dove si propongono piatti...

A Mondovì a luglio e agosto attivo il servizio di “Scuola Materna estiva”

Anche per il 2024 il Comune di Mondovì attiverà la Scuola Materna estiva, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze delle famiglie con genitori entrambi lavoratori, assicurando così un accompagnamento educativo-assistenziale durante il periodo delle...