Dogman o “Del Mondo dei Vinti” secondo Garrone

 Il film di Matteo Garrone, nei cinema, fa il pieno e si aggiudica un premio a Cannes. Considerazioni e annotazioni a margine di un film che guarda alla società dei "nuovi" Vinti. ATTENZIONE AGLI SPOILER

Esiste un mondo in cui i vinti possono affrancarsi dall'ineluttabilità del proprio destino e risorgere? Se qualcuno risponde affermativamente alla domanda probabilmente non è uscito dalla visione di Dogman, l'ultimo film di Matteo Garrone, presentato al Festival di Cannes dove ha riscosso dieci minuti di applausi alla prima proiezione e dove l' attore protagonista, Marcello Fonte, ha ottenuto il "Prix d'interprétation masculine"; un film che racconta una storia di violenza e prevaricazione.



<p>Sulla Croisette alla presentazione di Dogman, Matteo Garrone e Marcello Fonte (in posizione centrale)</p><div  class=

">

A più riprese e da più punti di vista stiamo assistendo ad un lento sgretolarsi dei valori fondanti della nostra società, basati sul'Illuminismo; intelaiatura di questo sistema di valori era che attraverso il libero arbitrio l'umanità aveva la possibilità di "redimersi" e di trovare una forma di riscossa. Il film di Garrone incarna al contrario i tempi in cui viviamo, e lo fa non tanto per seguire una moda, ma - un po' come già avvenuto in precedenti suoi film, dall'Imbalsamatore a Reality - attraverso uno sguardo sul mondo che è ben più edulcorato di quanto la realtà stessa a volte possa riportare.

In questa sorta di "western" dove la frontiera è quella di una periferia abbandonata non c'è happy ending e non c'è redenzione, si è mediocri, si è poveri, si spaccia, si subisce violenza, ma non si cambia, anzi si peggiora. La bellezza del film sta nell'emozione che questa discesa agli inferi porta con sè; si parteggia per buona parte del film per il protagonista, vessato - con la forza - da un antagonista apparentemente peggiore di lui, ma il finale rivela una natura inaspettata: l'oppresso non vuole una vita migliore, cerca solo un modo per fuggire ad un infausto destino, con qualsiasi mezzo possibile. E nel suo errore troverà ciò a cui è destinato chi è vinto, la solitudine. Non c'è un buono in questa storia, tutti sono toccati da un mesto assoggettamento alla viltà ed ai soprusi e tutti, chi più e chi meno, sono disposti a scendere a compromessi.

In una provincia romana che assomiglia molto di più alla Casal di Principe di Gomorra che non alla "vecchia" Magliana (in cui si svolsero realmente gli atti del Canaro), Garrone rappresenta una storia di struggente dolore che è violenta non solo per le immagini mostrate, ma per ciò che non si vede e che si avverte, il senso di abbandono a cui i vinti vengono lasciati e da cui difficilmente, se manca un aiuto esterno, si riesce ad uscire.

Il trailer del film distribuito nelle sale

https://www.youtube.com/watch?v=eum93mpzpE0

Scopri anche

Furti e truffe ad anziani, arrestata banda di “professionisti”. Hanno colpito anche nel monregalese

Erano veri professionisti dei furti in casa di anziani. Agivano in pochi minuti: uno si accertava che la casa fosse vuota, un altro faceva da palo e quindi il primo entrava e faceva "pulizia"....

A Linea Verde su Rai 1 cartoline del monregalese, da Vico a Carrù

CLICCA QUI PER VEDERE LA PUNTATA Nella puntata di oggi, domenica 29 gennaio, Linea Verde ha dedicato una serie di segmenti alle eccellenze e alle peculiarità del monregalese: dopo l'anteprima dedicata alla Fiera del Bue...

Mondovì: tutto esaurito per i “tour della memoria” al Ghetto ebraico, oggi la Sinagoga

Ha avuto un'enorme successo l'iniziativa, coordinata dalla Città di Mondovì con l'associazione Gli Spigolatori ed Esedra, dei "tour della memoria", di organizzare visite guidate a tema “Mondovì Città della Memoria” con visita guidata alle...

L’aereo che attraversa la luna: l’incredibile scatto da Carrù

«È tutta una questione di una frazione di secondo. Quando ci riesco, mi emoziono. Un po’ come un pescatore che, dopo ore e ore di attesa, riesce a tirare fuori un bel pesce». Il...

Paola Farinetti a Mondovì per presentare il libro “Tuffi di superficie”

Sabato 28 gennaio, alle 18 nella sala comunale delle Conferenze in corso Statuto, verrà presentato il libro di Paola Farinetti “Tuffi di superficie” (Gallucci editore). Sarà presente l’autrice che dialogherà con la giornalista Arianna...

Mondovì, lite tra pensionati nel parcheggio del supermercato: intervengono i Carabinieri

Ha colpito il contendente con una catena per chiudere la bicicletta, durante la lite scoppiata nel parcheggio del supermercato in via Cuneo a Mondovì, nei giorni scorsi. A seguire, dopo una segnalazione, è subito...