Dai bastioni di Mondovì ai ponti fra Cebano e Langa: ecco i siti “a rischio” nella nostra zona

Dopo il crollo del ponte Morandi, ecco le criticità segnalate dai nostri Comuni. Il documento in risposta al check-in della Provincia sulle strutture che necessitano maggior manutenzione

“Quali sono le vostre strutture a rischio?”. È questa la lettera girata dalla Provincia di Cuneo ai vari Comuni dopo la tragedia di Genova. Un check-in a livello locale per vedere quali opere hanno bisogno di maggiore priorità. E a rispondere sono stati più o meno metà delle Amministrazioni, cui vanno aggiunte le segnalazioni della stessa Provincia, oltre 200 ponti a rischio, tra i quali un centinaio “prioritari” come ad esempio quelli sulla ferrovia a Magliano Alpi e a Lesegno. Il corposo documento (che delinea interventi per oltre 250 milioni di euro) è stato “girato” alla Regione e a Roma, dopo la richiesta urgente avanzata dal ministro Toninelli. Resta ora da capire che fine farà questo dossier e, soprattutto, come il Governo possa intervenire e dove trovare i fondi necessari.

Su L'Unione Monregalese del 5 settembre, il punto della situazione zona per zona