Intervengono per una perdita d’acqua… e trovano una piantagione di marijuana

In un appartamento disabitato a Ferrania scoperta una vera e propria coltivazione “a regola d’arte”

La scorsa settimana i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Cairo hanno arrestato in flagranza di reato O.V. 26enne di Savona, già noto alle Forze di polizia, e deferito in stato di libertà il padre G.V, 67enne, anch’egli residente a Savona, pensionato e con diversi precedenti, poiché ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di produzione e detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, nello specifico marijuana.

Il provvedimento è stato adottato a seguito delle indagini avviate dopo la richiesta di supporto da parte di una squadra dei Vigili del fuoco del Distaccamento di Cairo che, intervenuti a Ferrania per una perdita d’acqua proveniente dal terzo piano di un appartamento disabitato in via della Libertà, hanno percepito un odore “sospetto” e quindi notato l’esistenza di una vera e propria serra allestita di tutto punto. Il personale della Aliquota Radiomobile, dopo una attenta ispezione, ha trovato nell’appartamento 17 piantine di marijuana all’interno di box riscaldati opportunamente allestiti, 400 grammi della medesima sostanza già essiccata pronta per la vendita, 30 grammi di semi di canapa, nonché un consistente quantitativo di vari materiali per la coltivazione: terriccio, vasi per fare attecchire le piante, concimi ed attrezzi.

ULTERIORI PARTICOLARI SU L'UNIONE MONREGALESE DEL 28 NOVEMBRE 2018