Mondovì, la nuova raccolta rifiuti slitta di 15 giorni

Ci sono 3 mila utenze che devono ancora ritirare i nuovi sacchetti

La rivoluzione ambientale è in ritardo di 15 giorni. Il nuovo sistema di raccolta rifiuti di Mondovì, ovvero quello coi sacchetti “chippati” che consentiranno alla ditta Proteo di conoscere esattamente quanta immondizia produce ogni famiglia, partirà soltanto fra due settimane, da lunedì 14 gennaio. 
I volontari di Proteo, nelle scorse settimane, hanno girato la città in modo capillare, battendo a tappeto casa per casa. Alla fine del “giro”, su 12 mila utenze, sono state servite 9 mila case, ora fornite di mastelli o sacchetti dotati di eco-chip (vale a dire, il codice elettronico che verrà letto dai macchinari quando i sacchetti verranno ritirati). E per chi non li ha ancora ricevuti o ritirati? «Fino al 14 gennaio si potranno usare i vecchi sacchetti – spiega l’assessore all’Ambiente, Erika Chiecchio –, così da dare modo a tutti di adeguarsi al nuovo sistema». Il servizio di consegna e adeguamento del materiale continuerà fino al 15 gennaio presso l’Ecosportello Proteo, che rimarrà aperto anche lunedì 31 dicembre. Coloro che fossero realmente impossibilitati a raggiungere l’Ecosportello e non abbiano possibilità di delegare alcuno possono contattare la Società Cooperativa “Proteo” al fine di concordare una modalità di consegna. «Per consentire a tutti i cittadini di dotarsi del materiale adeguato e cercare di limitare i disagi legati alle code formatesi in questi giorni all’Ecosportello – continua l’assessore Chiecchio –, si è deciso che nei primi due passaggi di gennaio (cioè nelle prime due settimane dell’anno) verranno ritirati anche i conferimenti in sacchi non conformi, dopodiché il servizio di tariffazione puntuale del rifiuto indifferenziato entrerà pienamente in funzione». L’Ecosportello è aperto dal lunedì al sabato dalle 9,30 alle 14,30.