Voci ed elettronica con i “Rebel Bit”

Lo spettacolo al Teatro Baretti, voci, video e suoni in uno spettacolo ispirato al libro di Saint Exupery "Il Piccolo Principe"

A Mondovì le occasioni per apprezzare dal vivo lo strumento voce non mancano: grazie all’attività dei gruppi corali e dagli appuntamenti organizzati dalle Associazioni culturali attive. Solo pochi mesi fa, nel giro di un weekend, i monregalesi hanno potuto ascoltare i Cluster, uno dei gruppi vocali a cappella più prestigiosi d’Italia, nell’ambito della rassegna organizzata dai Cantus Firmus, e alcuni cantanti d’opera affermati ed esordienti, grazie ai concerti proposti da Linus Cultura e Academia Montis Regalis. Venerdì al teatro “Baretti” alle 21 si svolgerà il secondo appuntamento della stagione musicale dedicato a questa particolare dimensione musicale: per la seconda delle serate “Offff ” saliranno sul palco i “Rebel Bit” gruppo vocale formato da Giulia Cavallera, Guido Giordana, Paolo Tarolli e Lorenzo Subrizi, con la collaborazione del musicista e sound designer Andrea Trona. I Rebel presentano un progetto ambizioso: si propongono di andare oltre la pura vocalità a cappella, affifi ancando questo approccio a contributi di elettronica. Nel loro spettacolo, la musica è il mezzo che si combina con recitazione e visual art, per raccontare storie. Paper Flights è un viaggio musicale tra le pagine del celebre “Piccolo Principe” di Antoine de Saint Exupery, che ne costituisce il primo punto di partenza e la prima ispirazione. Tutti i cantanti interpretano gli stati d’animo protagonisti, in un certo senso, della storia. Dalla gioia alla tristezza, dalla rabbia all’appartenenza, il gruppo accompagna il principe nell’itinerario alla scoperta dei grandi temi della vita, l’amicizia, l’amore, il senso, la fragilità, la malinconia. I brani dello spettacolo sono tratti dal repertorio italiano e internazionale, riarrangiati dai membri del gruppo, spaziando da Sting ai Muse, da Francesco Gabbani a Niccolò Fabi, passando per Elisa, Ermal Meta, e Dalla. Non mancano alcuni brani inediti, composti per l’occasione.