La deportazione degli ebrei

La Shoah

Dopo il fallito putsch di Monaco del novembre 1923, Hitler venne arrestato e processato per alto tradimento. Il processo fu l’occasione per attirare l’attenzione della pubblica opinione sul suo partito e sulle sue idee. Fu condannato a cinque anni, ma rimase in carcere soltanto sei mesi, durante i quali scrisse il Mein Kampf (La mia battaglia), in cui elaborò i capisaldi del nazismo, fra cui la teoria discriminatoria della superiorità della razza ariana. In base a questo principio, gli ebrei dovevano essere banditi dallo Stato, in quanto «pericolosa categoria dei non dotati di sangue germanico», «miserabili e depravati criminali», «non è possibile alcun patteggiamento con loro», come gli zingari, i malati, i deformi, i «matti» e tutta «la quantità dei degradati invisibili». Inizierà così quello che Bertolt Brecht definirà «il più lucido e sterminato delitto mai compiuto nella storia».
Inizialmente Hitler aveva progettato il trasferimento in massa di tutti gli ebrei europei nell’isola africana del Madagascar, ma rinunciò per evidenti difficoltà logistiche. Nei primi mesi della guerra ordinò che venissero eliminati dalle SS e dalla Gestapo, ma anche questo sistema si dimostrò inefficiente. Hitler, allora, passò al piano denominato “soluzione finale”, che prevedeva l’eliminazione fisica nei campi di sterminio. L’organizzazione fu affidata ad Adolf Eichmann. Le donne e gli uomini in buona salute erano condannati ai lavori forzati, pochi sopravvivevano alle condizioni di vita dei campi fatte di stenti e violenze. Le donne incinte, i bambini, gli anziani, gli ammalati, ritenuti inadatti al lavoro erano subito uccisi nelle camere a gas. Molti detenuti furono usati come cavie per atroci esperimenti medici. Questo sterminio venne chiamato shoah, che in ebraico significa «tempesta devastante» (da un libro della Bibbia, Isaia 47, 11) ed è collegato all’idea di distruzione. Questa parola ricorre molto spesso nel Libro di Giobbe, nella lingua del profeta Isaia e in alcuni Salmi. Talvolta si usa anche il termine olocausto che però ha un significato più ampio: il termine, che deriva dal greco, è legato a una particolare forma di sacrificio animale praticato nel mondo antico, in cui non si fa differenza tra le parti della vittima bruciate sull’altare per la divinità e quelle conservate per gli uomini: le vittime sono bruciate interamente sul fuoco.

santa lucia visite villanova

Al Santuario di Santa Lucia di Villanova M.vì continua il successo delle visite guidate

Domenica 7 luglio il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì sarà aperto al pubblico con visite guidate al pomeriggio (dalle ore 14.30 alle 17 con servizio navetta). La riapertura durante le prime domeniche...
Mondo Acqua

Processo Mondo Acqua, Borello rinuncia alla prescrizione

Il processo Mondo Acqua, come riferito in precedenza, sulla presunta turbativa d’asta contestata all’ex presidente e a quattro coimputati, si avvia ad un probabile epilogo verso la prescrizione dei reati ascritti agli imputati. All’ultima...

Nuova illuminazione e video sorveglianza sulle aree di Servizio dell’Autostada A6

Una migliore illuminazione non solo delle aree esterne dei piazzali ma anche delle corsie di decelerazione e accelerazione, con un’attenzione anche alla sostenibilità ambientale e l’installazione di nuovi pannelli informativi e di un avanzato...

Negozi che chiudono: l’indagine di Confcommercio

I negozi che stanno sparendo più di tutti: abbigliamento ed elettronica. «Ma gli italiani vogliono più negozi nelle città». Lo dice Confcommercio Cuneo, riferendosi all’indagine Confcommercio-SWG nell’ambito del “progetto Cities”: nelle città italiane sempre...

Mille telefonate in una notte all’operatrice che lo seguiva: condannato per stalking

Diceva di volere una figlia dall’operatrice che lo seguiva come richiedente asilo in Italia, tempestandola di chiamate e seguendola in ufficio e altrove: una notte, ha raccontato lei, le telefonate furono 1.487. Inutile cambiare...
Trelilu spettacolo Nigella Niella

A Niella Tanaro spettacolo dei Trelilu per la Nigella

“Mai a basta” è lo spettacolo dei Trelilu che si terrà mercoledì 31 luglio alle ore 21 al castello di Niella Tanaro, per la Nigella, ad ingresso libero. L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Nigella ODV...