I giovani della Diocesi di Mondovì “in collegamento” coi Caraibi: «Panama da noi»

Più di 500 giovani dalle diocesi della Granda hanno vissuto insieme il collegamento con Panama, pregando e cantando

La bellezza e l’emozione della veglia che ha concluso la XXXIV GMG a Panama è stata vissuta anche dai giovani che sono rimasti in Italia, con diversi eventi organizzati dalle pastorali giovanili. Così è stato per i ragazzi della diocesi di Mondovì, che hanno partecipato numerosi a “Panama da noi”, in collegamento diretto con i nostri amici che stanno vivendo la Gmg in America. Dalle diocesi di Mondovì, Cuneo, Fossano, Alba e Saluzzo circa 500 ragazzi (di cui 133 da Mondovì) hanno vissuto due giorni di festa e condivisione a Fossano.

Il momento di festa insieme alla rock band “Reale”
I gruppi di giovanissimi, giovani e famiglie sono stati accolti nella parrocchia dello Spirito Santo di Fossano, dove abbiamo ballato e cantato insieme alla rock band cristiana “Reale”, particolarmente legati alle diocesi del cuneese perché provenienti dalla Comunità Cenacolo di Saluzzo – e alla diocesi e alla pastorale giovanile di Mondovì, per cui hanno scritto la canzone “Questa è la mia storia”. Non solo festa ma anche riflessione: attraverso le parole delle canzoni e alla testimonianza dei cantanti Alessandro e Francesca, tutti siamo stati chiamati a riflettere sulla nostra vita, su ciò che ci allontana da Dio e ci impedisce di vivere pienamente ogni giorno. Particolarmente intenso il momento dell’adorazione, vissuto anche questo grazie e attraverso la musica, «Tu che sei dopo il deserto come acqua tra le mani, Dio, mia fonte, voglio stare con Te. Tu lo scoglio in mare aperto, roccia in mezzo agli uragani, Dio, mia forza, voglio stare per sempre con Te», hanno cantato nel silenzio assoluto della chiesa in cui tutti i giovani si sono raccolti nella preghiera.

Dopo un momento di ristoro con dolci, the e cioccolata calda, offerto dalla parrocchia ospitante, il ritorno in chiesa, per partecipare attraverso la diretta al momento della veglia che mezzo milione di giovani provenienti da tutto il mondo ha vissuto con Papa Francesco al Campo San Juan Pablo II a Panama. Eravamo a quasi 10mila km di distanza dal gruppo di Mondovì, dagli amici che stanno vivendo nel cuore della GMG, eppure guardando le bandiere dei paesi sfilare davanti al palco, i tantissimi giovani presenti e i loro volti emozionati e stanchi era un po’ come essere lì davvero, con loro, e subito tornano alla mente e al cuore i ricordi di GMG passate, la sensazione unica di trovarsi lì in mezzo, stanchi e accaldati ma davvero pieni di gioia, in mezzo a milioni di altri giovani che davvero riconosci come amici e fratelli. Mentre ascoltavamo le parole di Papa Francesco, in chiesa c’è stata anche, per chi voleva, la possibilità di confessarsi, di avvicinarsi ancora di più all’amore di Dio che stasera sentiamo particolarmente presente, davvero “in mezzo a noi”.

La notte nelle parrocchie fossanesi e Messa finale in Duomo
Una volta concluso il collegamento con Panama, una sostanziosa parte dei ragazzi presenti, che hanno scelto di non tornare a casa, sono stati accolti per la notte nelle parrocchie fossanesi: tutto il gruppo di Mondovì ha alloggiato nella parrocchia di Santa Maria del Salice, dove abbiamo dormito con materassini e sacchi a pelo nelle stanze della struttura. Anche questa è GMG, anche qui, anche se non stiamo dormendo sotto le stelle in mezzo a giovani di tutto il mondo: però condividiamo dentifricio e asciugamani quando ci incrociamo in bagno, e nei gruppi restiamo ancora svegli a giocare e a parlare, ricreando anche nel piccolo un po’ di quella “atmosfera da Gmg” così difficile da spiegare quando non la si vive. Dopo aver dormito qualche ora (o anche nessuna) la mattina di domenica ci aspetta l’ultimo momento comune di queste giornata: la S. Messa conclusiva alle 10,20 celebrata in Duomo dal vescovo di Cuneo e Fossano, mons. Piero Delbosco, insieme a mons. Miragoli, arrivato da Mondovì. Mons. Delbosco nell’omelia ha ricordato le parole di Papa Francesco nella veglia della sera prima, aggiungendo una preghiera speciale per le vocazioni in occasione della giornata del Seminario interdiocesano. Terminata la celebrazione, i gruppi sono tornati a casa, con nel cuore la gioia vissuta in un fine settimana speciale, vissuto insieme agli altri e soprattutto insieme a Dio.

La prossima GMG sarà a Lisbona nel 2022.