Cairo: gli studenti del “Patetta” si confrontano con l’Europa

Integrazione e diritto comunitario tra i temi trattati durante una serie di incontri

Diventare cittadini europei consapevoli: è questo il tema affrontato dagli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Federico Patetta” di Cairo insieme all’ILSREC - Istituto Ligure per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea, con gli allievi della classe V del corso Amministrazione Finanza e Marketing/Sistemi Informatici Aziendali, insieme ai loro docenti, hanno partecipato nel mese di febbraio a due intensissimi incontri in cui, insieme alla relatrice Angelica Radicchi e alla referente della Provincia di Savona Giosiana Carrara, si sono confrontati con i temi dell’integrazione europea e del diritto comunitario. Durante gli incontri sono stati affrontati temi oggi più che mai d’attualità: la crisi migratoria, la Brexit, la crisi economica, l’euro, le funzioni e le competenze dell’UE, i diritti dei cittadini europei e altro ancora. La proiezione di video realizzati nell’ambito della campagna lanciata dallo stesso Parlamento europeo ha consentito agli studenti di comprendere il funzionamento dell’iter elettorale europeo in vista delle prossime elezioni. Tramite l’utilizzo di infografiche relative ai partiti italiani e ai corrispettivi gruppi politici europei, gli studenti sono stati stimolati ad un interessante dibattito sull’importanza della partecipazione democratica anche in ottica europea.
È di questi giorni un’altra ottima notizia per il “Patetta”: il progetto “Più leggero non basta”, già vincitore del concorso Green Technologies Award 2018 (indetto da Schnieder Electric e MIUR), ha vinto il concorso PlayEnergy 2018 “Start up your power”. Il lavoro realizzato dagli studenti della classe V Elettrotecnica consiste nella progettazione e realizzazione di un impianto domotico a comandi vocali dotato di intelligenza artificiale per rendere “più leggera” la quotidianità di persone affette da disabilità motorie. Il lavoro è partito ascoltando l’esperienza reale di un compagno di classe affetto da atrofia muscolare spinale e, oltre agli aspetti tecnici, ha ben presto assunto un’indubbia valenza culturale: gli allievi del “Patetta” sono stati chiamati a confrontarsi con l’affettività, l’espressione dei sentimenti, la sessualità, il quotidiano di una persona disabile nell’ottica di un’uguaglianza effettiva e non di una semplice dichiarazione d’intenti. Il risultato premia ancora una volta il lavoro del pluripremiato corso di elettrotecnica dell’Istituto valbormidese. «A tale risultato – afferma Gaetano Aliberti, docente di Elettrotecnica e responsabile del progetto – si è arrivati con l’efficace attuazione dell’Alternanza Scuola-Lavoro, con metodi didattici innovativi e con il continuo aggiornamento dei programmi, puntando molto sulle tematiche dell’efficientamento energetico, della building automation, dell’automazione e della robotica. Secondo il “Future of Jobs Report 2018”, elaborato dal Worl Economic Forum, le figure professionali più richieste dall’industria nei prossimi anni saranno proprio i tecnici di questi settori».