Ninetta e Franco Occelli: «Usiamo i “social” per raccontare le cose belle della vita!»

Troppo odio su Facebook e Twitter. La coppia di Farigliano, racconta ogni giorno sul web la loro vita insieme con positività. Sono stati ospiti di Tv2000

Coloro che utilizzano con una certa frequenza i social network (Facebook, Instagram, Twitter), avranno certamente notato che spesso le persone sfogano sul web le proprie frustrazioni, fomentano inutili polemiche, si arrabbiano ed inveiscono contro gli altri anche con insulti e toni molto accesi. Ninetta e Franco Occelli, fariglianesi ed appassionati di social, sposati dal 1981, hanno invece un modo completamente diverso di porsi sulla rete globale, raccontando il “bello” della loro vita, della loro famiglia piemontese-siciliana, dei loro tre figli e di tutto ciò che ruota attorno. Certo, le ansie e le preoccupazioni fanno parte del quotidiano, come per tutti, ma la voglia di risolvere insieme i problemi è tanta, e dona grande fiducia. Ninetta e Franco nei giorni scorsi sono stati a Roma, ospiti degli studi televisivi di Tv2000, dove hanno registrato una puntata di “L’ora solare”, trasmessa poi nel primo pomeriggio di giovedì 7 marzo. Dialogando con la conduttrice Paola Saluzzi, Ninetta e Franco hanno così raccontato la loro vita insieme, iniziata sui banchi di scuola a Farigliano. Lei, originaria del Catanese, era appena arrivata in paese, suo fratello aveva trovato un lavoro al nord e la famiglia si era trasferita. Il primo giorno, sentito il suo accento siciliano, tutti i compagni la deridevano. Tutti, tranne uno: Franco. Da allora, non si sono più lasciati. La loro grande storia d’amore è poi arrivata anche sui social, come ha spiegato Ninetta: «In giro o sul web spesso si sentono persone che si lamentano. Si parla solo delle cose brutte, mentre le cose belle sono date tutte per scontate. Così non è, anzi, nella vita ci sono tantissime cose belle e non sono affatto scontate. Sui social – ha aggiunto Ninetta – vogliamo raccontare il bello della vita, ringraziando per tutto quello che abbiamo, giorno dopo giorno». Sul finire, riferimento importante anche alla fede in Dio che Ninetta e Franco, profondamente credenti, definiscono “vero cibo, l’elemento che ci permette di essere così come siamo”, guardando alla vita sempre con rinnovata fiducia.

Scopri anche

Furti e truffe ad anziani, arrestata banda di “professionisti”. Hanno colpito anche nel monregalese

Erano veri professionisti dei furti in casa di anziani. Agivano in pochi minuti: uno si accertava che la casa fosse vuota, un altro faceva da palo e quindi il primo entrava e faceva "pulizia"....

Mondovì, ecco i cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico

Da ieri, lunedì 30 gennaio, sono stati piazzati a Mondovì i primi cartelli elettronici che avviseranno dei blocchi del traffico. Il Comune spiega: «La città di Mondovì, insieme ad altri 76 Comuni del Piemonte, deve...

Grandabus lancia “Mo”, il QR code parlante che rivela in tempo reale la posizione...

Si chiama “Mo” ed è un vero e proprio QR code parlante pensato e creato da Grandabus, il consorzio che gestisce il trasporto pubblico locale in provincia di Cuneo, per offrire a tutti gli...
mercato altipiano produttori locali

Mondovì: sperimentazione al mercato dell’Altipiano, area dedicata ai produttori locali

Prenderà il via il prossimo 8 febbraio il nuovo assetto sperimentale e provvisorio (sei mesi) del mercato rionale dell’Altipiano che ogni mercoledì mattina, come da tradizione, si distende tra gli spazi di piazza Monteregale....

Mondovì: si demolisce l’ex rifiuteria in piazzale “Ravanet”

Era, fino a oggi, uno degli angoli più squalificati della città di Mondovì. L’ex rifiuteria Acem abbandonata di piazzale Giardini, per tutti “piazzale Ravanet”, è un sito in completo degrado. Un anno e mezzo...

Mondovì, lite tra pensionati nel parcheggio del supermercato: intervengono i Carabinieri

Ha colpito il contendente con una catena per chiudere la bicicletta, durante la lite scoppiata nel parcheggio del supermercato in via Cuneo a Mondovì, nei giorni scorsi. A seguire, dopo una segnalazione, è subito...