Lupi in Alta Langa: «Lo Stato ci risarcisca seriamente dei danni subiti!»

Prosegue la protesta degli allevatori, che si sentono abbandonati. «Dopo l’inverno, è ora di tornare sui pascoli. Le nostre pecore saranno nuovamente facili prede».

«L’anno scorso, dopo ripetute segnalazioni, le istituzioni ci avevano assicurato che sarebbero stati presi provvedimenti seri per tutelare noi allevatori dell’Alta Langa dagli attacchi dei lupi. Poi era arrivato l’inverno e le nostre pecore in questi mesi sono quindi state ricoverate nelle stalle. Ora, che torniamo sui pascoli, però purtroppo dobbiamo constatare che in questi mesi nulla è stato fatto per migliorare la situazione. Usciremo nuovamente al pascolo e le pecore saranno di nuovo facile preda dei lupi, come accade ormai da anni. Siamo disperati». Con queste parole, il veterinario e allevatore ovino di Murazzano, Fabrizio Barbero, descrive l’allarmante situazione con la quale gli “addetti ai lavori” si trovano alle prese ormai quotidianamente. «Il problema è grave – aggiunge Barbero –. Lo Stato ha scelto di proteggere il lupo, benissimo. Però come fare a garantire la sicurezza dei nostri animali sui pascoli? Il Governo ci obbliga ad assicurare i nostri capi contro i danni da lupo. Il risarcimento comunque è di soli 50 euro a capo e copre solo lo smaltimento, non siamo invece rimborsati per il mancato reddito. I ripetuti attacchi infatti possono causare grande mortalità nel gregge, aborti da stress e sensibile diminuzione della produzione di latte. Il risultato? Niente latte in inverno, quindi chiusura del caseificio e perdita di numerosi clienti. È vero, esistono piani regionali per la prevenzione, ma riguardano solo gli alpeggi o le zone montane. L’Alta Langa è esclusa dal provvedimento e noi ci sentiamo davvero abbandonati. Lo Stato – prosegue Barbero – non risponde dei danni causati da animali di sua proprietà, come il lupo, appunto. Se si è deciso di proteggere il lupo, noi siamo d’accordo. Vogliamo però che lo Stato ci risarcisca equamente dei danni che subiamo!».

Santa Lucia Villanova Mondovì

Il Santuario di Santa Lucia a Villanova Mondovì riapre i battenti

Il Santuario di Santa Lucia in Villanova Mondovì si staglia dal XVI secolo sul versante del Monte Calvario (o Momburgo) dominando la Valle Ellero ed è erede di un’antica devozione popolare, ancora oggi viva...

Quirico e Canapini chiudono “Funamboli”: speranza e guerra, sabato al “Caffè sociale”

Stanno per volgere al termine gli appuntamenti del Festival Funamboli – Parole in equilibrio, organizzato dall’Associazione culturale "Gli Spigolatori" di Mondovì. La tematica dell’edizione 2024 è “Osare la speranza” e nella seconda metà di...
nasce fondazione ospedali mondovì ceva

Comuni, medici e aziende si uniscono: «Nasce la Fondazione per gli Ospedali di Mondovì...

L'atto costitutivo sta per arrivare sul tavolo del notaio. E ci sono firme importanti che hanno contribuito a questo risultato: non solo quelle dei Comuni di Mondovì e Ceva, non solo quella della Diocesi,...
mondovì teenage dream party

Venerdì 14 giugno a Mondovì Piazza la mega festa giovanile Teenage Dream Party

Venerdì 14 giugno in piazza d’Armi si accenderanno i riflettori del Teenage Dream Party, la festa più hype d’Italia. È uno spettacolo che da quasi un anno sta girando l’Italia, di città in città....

Su Instagram “VenereItalia” parla di Mondovì: ma di chi è l’iniziativa?

C'è la funicolare, piazza San Pietro col "Moro" e, in un'immagine successiva, anche qualche mongolfiera in volo sopra a verdi colline dense di vigneti (ma non sulla città di Mondovì: la foto ritrae quasi...

A Mondovì a luglio e agosto attivo il servizio di “Scuola Materna estiva”

Anche per il 2024 il Comune di Mondovì attiverà la Scuola Materna estiva, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze delle famiglie con genitori entrambi lavoratori, assicurando così un accompagnamento educativo-assistenziale durante il periodo delle...