Stupinigi Sonic Park: concerti nel parco sabaudo

Il 4 luglio si apre la rassegna con gli Skunk Anansie. Seguono Eugenio in via di Gioia, Francesco De Gregori, i mitici King Crimson, i Marlene, Mark Knopfler e Ramazzotti

La prossima settimana debutta la seconda edizione dello Stupinigi Sonic Park: concerti con i grandi della musica italiana e internazionale.

Sicuramente ci sono davvero pochi festival in in Italia che possono vantare location altrettanto suggestive: lo Stupinigi Sonic Park coniuga da sempre un’offerta musicale di altissimo livello con un panorama di suggestione unica, quello della palazzina di Caccia di Stupinigi. Piccola oasi sabauda, a due passi dalla capitale. Tant’è che se si potesse ancora camminare in linea retta, partendo dalla palazzina, si raggiungerebbe il centro di Piazza Castello, in poche ore di cammino.

Si comincia con gli Skunk Anansie

 

Dal 4 luglio inizia l’edizione 2019 della rassegna, un cartellone che coniuga artisti di altissimo richiamo, che si esibiranno nel parco specolare della Palazzina di Caccia, capolavoro del barocco e patrimonio dell’umanità Unesco. I primi a salire sul palco saranno gli Skunk Anansie, storica band hard rock degli anni ’90, riformatasi nel 2009. Sonorità pesanti, e rabbia e tanta voglia di passare un messaggio sono gli ingredienti della musica e dei testi cantati da Skin, la nota frontman della band, che ha raggiunto il successo anche con i suoi dischi da solista.

La festa degli Eugenio in Via di Gioia

Il 6 luglio sarà la volta di un appuntamento importante, per un quartetto di giovani outsider del pop italiano. Eugenio in Via di Gioia è un nome che si è imposto di prepotenza sulla scena emergente e lo ha fatto in tempi abbastanza brevi, con il suo mix strampalato di ironia scanzonata, cantautorato, teatralità cabarettistica, musica semi-acustica ispirata al mondo dei buskers (hanno cominciato proprio così, con concerti improvvisati in ogni angolo di Torino) e si sono imposti a suon di live, conquistandosi una platea sempre più folta di appassionati con concerti travolgenti e trovate estemporanee (tipo la serenata ai passeggeri di un treno in ritardo). A Stupinigi hanno dato convegno a tutti i loro fans, per un primo raduno nazionale dei supporters della band. Insomma, per chi ama il quartetto torinese è un appuntamento da non mancare.

De Gregori: tutto il meglio in veste classica

Il 9 luglio sarà protagonista il cantautorato nobile della musica italiana: Francesco De Gregori si esibirà in una serata speciale, dedicata ai suoi più grandi successi, con l’accompagnamento di un’intera orchestra sinfonica. L’autore di brani iconici come “Alice, la Donna Cannone, Titanic, Rimmel” ha deciso di fare uno strappo alla regola alla sua generale riluttanza a fare concerti “antologia” dedicati solo ai suoi più grandi successi, e regalare ai fan che verranno a Stupinigi l’emozione di un concerto da cantare dall’inizio alla fine, in cui si potranno riascoltare i pezzi nelle loro versioni più piene, grazie ai 40 elementi che si aggiungeranno al nucleo degli Gnu Quartet.

King Crimson: la leggenda

Appuntamento con la storia il 10 luglio: a Stupinigi fanno tappa i King Crimson di Robert Fripp, una delle band cult per eccellenza per ogni appassionato di musica. I Crimson, nella loro prima incarnazione con i fratelli Giles, il compianto Greg Lake e il chitarrista Fripp, hanno rivoluzionato il mondo della musica con “In the court of the Crimson King” un disco dalla copertina iconica e inconfondibile, che ha inaugurato la lunga e fertile stagione del progressive rock. Da allora (era il 1969, il gruppo è diventato il laboratorio di sperimentazione del chitarrista, sciogliendosi e riformandosi ogni volta con nuovi componenti per dare vita alle intuizioni musicali dello schivo musicista inglese. Dopo la prima incarnazione, che ha pubblicato una trilogia di capolavori del progressive (In the Wake of Poseidon e Lizard) le traiettorie artistiche del gruppo si sono spinte in territori inesplorati, nella direzione di intrecci sempre più duri e cervellotici, anticipando tutto un filone del progressive Rock, del Metal e dell’Hard Rock, anticipando il sound di leggende come i Tool e i Meshuggah; senza dimenticare l’influenza delle idee di Eno, il cui incontro con Fripp generò la parentesi dei Frippertronics, anche questi decisivi per gli esiti delle ultime produzioni del regno del re cremisi.

Subsonica e Marlene Kuntz, grandi band dell'underground

Giovedì 11 luglio si balla con i Subsonica: la band torinese, dopo essere stata regina incontrastata del rock underground degli anni’90 è lanciata verso il successo continentale. Hanno saputo interpretare come pochi altri il contesto urbano e i suoi suoni, i Subsonica dal vivo sono una vera e propria macchina da guerra per un concerto tutto da ballare.

Il 16 luglio saliranno sul palco i Marlene Kuntz, alfieri per eccellenza dell’underground “made in Cuneo” sono stati e continuano ad essere un punto di riferimento ineludibile e un mito per tutte le band che cercando di scavarsi faticosamente la loro strada nella provincia piemontese. Anche questo sarà un appuntamento molto speciale: sarà un concerto doppio, in chiave acustica ed elettrica, con tre ore complessive di spettacolo, per celebrare il ventennale di “Ho ucciso paranoia” e i trent’anni di attività. Naturalmente l’album sarà suonato per intero, tra le altre cose.

CLICCA QUI Per approfondire il progetto che i Marlene Kuntz stanno portando a Mondovì

Mark Knopfler e la storie dei dIRE sTRAITS

Il 17 luglio ci sarà un altro appuntamento con la storia della musica internazionale: il frontman dei dIRE sTRAITS Mark Knopfler, sarà sul palco per il tour dedicato all’album Down the road wherever. Rocker ed esperto di letteratura inglese, Knopfler è autore di alcune tra le più belle canzoni del rock inglese anni ’80, ed è stato protagonista di una delle più affascinanti ed atipiche avventure musicali di quel periodo. Antidivo per eccellenza, in un epoca di synthpop martellante, di suoni sempre più ciccioni e sintetici, con i cocci dell’esperienza punk rimescolati nelle tendenze della new wave, con i volumi sempre più, gli Straits hanno scelto un’altra direzione, proponendo un rock morbido, venato da decise sfumature jazz e da un chitarrismo raffinato ed elegante.

Ramazzotti: unica data in Piemonte

Gran finale della rassegna il 18 luglio, con una data di Eros Ramazzotti, l’unica data estiva in Piemonte del tour mondiale "Vita ce n'è". Sul palco, oltre ai grandi successi che lo hanno reso celebre e con i quali ha conquistato milioni di persone in oltre 30 anni di carriera, Eros Ramazzotti presenterà le canzoni del nuovo album uscito in 100 paesi in lingua italiana e spagnola.

Tutte le info utili

PROGRAMMA

Giovedì 4 luglio, ore 20

Skunk Anansie, “25live@25 tour”

Biglietti a 40,25 euro + d.p.

Sabato 6 luglio, ore 16 (concerto ore 21)

Eugenio in Via Di Gioia, raduno nazionale

Biglietti a 25,30 euro + d.p.

Martedì 9 luglio, ore 21

Francesco De Gregori & Orchestra, “Greatest Hits Live”

Biglietti da 38 a 85 euro + d.p.

Mercoledì 10 luglio, ore 21

King Crimson, “Celebrating 50 Years tour”

Biglietti da 39,10 a 79,35 euro + d.p.

Giovedì 11 luglio, ore 21

Subsonica, “8 tour”

Biglietti a 25 euro + d.p.

Martedì 16 luglio, ore 21

I biglietti dei concerti di Stupinigi Sonic Park sono acquistabili esclusivamente

sul circuito Ticketone.

 con il biglietto per il festival, è possibile avere uno sconto del 35% per la visita alla palazzina di caccia

Acquista la Royal Card presso la biglietteria della Palazzina di caccia di Stupinigi o presso gli Uffici del Turismo di Torino al prezzo di € 33,00 anziché € 35,00 mostrando il biglietto del festival.

Ipercoop Speciale Agosto