Un anno e mezzo dopo il gravissimo incidente sostiene l’esame di maturità

La storia di Alessandro, studente dell’Alberghiero di Mondovì. La scuola gli ha regalato una maglia con la dedica di Cristiano Ronaldo

Un anno e mezzo dopo il gravissimo incidente, sostiene l’esame di maturità. Eppure la luce di Alessandro poteva spegnersi quel giorno. Poteva finire il 6 novembre 2017, in quell’incidente sulla tangenziale di Mondovì. Invece Alessandro, studente dell’Alberghiero “Giolitti” di Mondovì residente a Trinità, non solo è sopravvissuto, ma ha lottato ogni singolo giorno per recuperare. E oggi, giovedì 27 giugno, ha dato l’esame di maturità.

Il regalo: la maglia di CR7

Un campione. Il suo trofeo non è solo la soddisfazione. Ha anche la forma e i colori di una maglia della Juve numero 7 con una firma e una dedica, “Para Alessandro con afecto, Cristiano Ronaldo”. Glie l’ha consegnata la dirigente Donatella Garello, dopo l’orale, fra gli applausi della Commissione e la commozione della famiglia e dei compagni.

Alessandro Filippi era sul sedile del passeggero di una Fiat Panda che un anno e mezzo fa si è schiantata frontalmente contro un camion “Iveco” alle porte della città - LEGGI QUI: L’INCIDENTE. Soccorso d’urgenza, era un caso gravissimo. La mamma Silvia rievoca quei momenti con emozione: “Poteva essere questione di minuti”. Quando si svegliò, nel letto dell’ospedale, non ricordava nulla dell’incidente. Ma fece una domanda: “Come farò con la scuola?”. Gli spiegarono che non avrebbe certamente potuto continuare subito, che c’era un lungo recupero da fare. Lui non mollò.

Un anno e mezzo dopo il gravissimo incidente sostiene l’esame di maturità

Seguirono mesi di riabilitazione al “Centro Cardinal Ferrari” di Fontanellato, per tornare a parlare e a muoversi. Sempre sostenuto dalla mamma, da papà Enrico e dai fratelli Marta e Matteo. Nel settembre 2018 tornò a scuola, anche se in una classe nuova. Oggi, ha dato l’esame.

Vuoi essere sempre aggiornato sulle novità? Iscriviti gratis alla nostra newsletter

ULTERIORI PARTICOLARI SU L’UNIONE MONREGALESE DEL 3 LUGLIO 2019